Il segreto delle misteriose spirali del Perù che salvarono la civiltà Nazca (FOTO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un antico mistero del Perù potrebbe essere svelato grazie a una scienziata italiana. Queste particolari formazioni a spirale, chiamate Puquios, avrebbero aiutato la popolazione durante i periodi di grave siccità.

Attraverso l’utilizzo dei satelliti, un team di scienziati guidato da Rosa Lasaponara del Cnr, ha studiato e datato i resti delle antiche civiltà peruviane che vivevano nell’area di Nazca, celebri anche per le famose linee (i geoglifi tracciati sulla sabbia dall’omonima civiltà).

Nella regione, i ricercatori da tempo studiavano i fori circondati da spirali che costeggiano le valli aride, ciò che resta dell’antica civiltà. Attraverso le immagini catturate dallo spazio, è stato possibile comprendere meglio il modo in cui la popolazione dell’epoca riuscisse a sopravvivere in una regione soggetta a frequenti e gravi periodi di siccità.

I puquios erano un complesso sistema idraulico costruito per recuperare l’acqua dalle falde acquifere sotterranee. Si trattava di veri e propri acquedotti utilizzati per portare l’acqua nel deserto. Alcuni di essi sono ancora in funzione.

Tanti i dubbi sulla loro costruzione. Secondo alcuni archeologi, furono costruiti durante l’epoca precolombiana, nel 540, in risposta a due periodi di siccità prolungati. Questa ipotesi però non mette d’accordo tutti, visto che le prime testimonianze storiche risalgono al 1605 e associano questi sistemi agli spagnoli.

peru cerchi2

Foto

Secondo l’ultima ipotesi, portata avanti dagli scienziati italiani, il sistema dei Puquios risale al VI secolo e all’epoca doveva essere molto più sviluppato di quanto non appaia oggi. Utilizzando le immagini satellitari, inoltre, il team ne ha capito meglio la distribuzione in tutta la regione di Nazca.

peru cerchi3

“Sfruttando un approvvigionamento di acqua inesauribile per tutto l’anno il sistema Puquios ha contribuito ad una agricoltura intensiva delle valli in uno dei luoghi più aridi del mondo” ha spiegato la dott.ssa Lasaponara.

Una serie di canali portava l’acqua, intrappolata sottoterra, nelle zone in cui era necessaria. Per facilitarne il cammino, vennero scavati dei fori al di sopra dei canali a forma di imbuto. Proprio questi imbuti lasciavano che il vento entrasse nei canali, spigendo l’acqua attraverso il sistema.

La loro esistenza ci dice qualcosa di notevole sulla popolazione che viveva nella regione nel VI secolo d.C.

“La costruzione delle puquios comportava l’utilizzo di tecnologie particolarmente specializzate” spiega Lasaponara. I costruttori avevano una profonda conoscenza della geologia della zona e delle variazioni annuali nella disponibilità d’acqua.

Alcuni di essi funzionano ancora oggi e ciò li rende ancora più speciali.

Francesca Mancuso

Foto cover

LEGGI anche:

frecciaIL MISTERO DEI CIPRESSI CHE RESISTONO AGLI INCENDI

frecciaIL MISTERO DEL CHICKEN CHURCH, IL TEMPIO GIGANTESCO A FORMA DI GALLINA (FOTO E VIDEO)

frecciaIL MISTERO DEI LAGHI CHE SCOMPAIONO IN GROENLANDIA. ORA SAPPIAMO PERCHÉ (FOTO)

frecciaIL MISTERO DELL’ENORME BUCO APPARSO IN SIBERIA (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook