Scoperta in Messico la grotta sommersa più lunga del mondo, custode dei segreti dei Maya

grotta_sommersa_cover

Un labirinto sommerso che potrebbe fare luce sui Maya. In Messico un gruppo di sommozzatori ha scoperto la grotta più lunga del mondo: 347 chilometri di reperti archeologici nella penisola dello Yucatan.

Si trova a a Tulum e unisce Sac Actun (263 chilometri) con il Dos Ojos (83 km), due tratti dove per quasi un anno, sommozzatori hanno lavorato facendo immersioni subacquee e ricerche. Seguendo le regole della speleologia il sistema Sac Actun, più lungo per dimensioni, ha ora assorbito il Dos Ojos.

Il team del Great Maya Aquifer Project (GAM) ha scoperto, dunque, un passaggio naturale che unisce due caverne che finora venivano considerate indipendenti. Angoli remoti della terra e non facilmente attraversabili, in alcuni tratti i sub sono riusciti a passare solo dopo aver tolto le bombole di ossigeno.

Secondo Guillermo de Anda, direttore del progetto GAM e archeologo subacqueo questa scoperta potrebbe adesso aiutare a comprendere meglio la civiltà dei Maya prima dei conquistadores spagnoli.

“Lo studio dei cunicoli sotterranei collegati e dei cenote potrebbe ad esempio aiutare a capire rituali e usi dei grandi insediamenti pre-ispanici che conosciamo. Questa enorme caverna rappresenta il più importante sito archeologico sommerso del mondo, in quanto custodisce al suo interno più di un centinaio di contesti archeologici differenti, dai primi coloni d’America alla fauna estinta passando, naturalmente, per la cultura Maya”, dice Guillermo de Anda alla Reuters.

grotta sommersa2

L’apertura del collegamento dei due sistemi di grotte è avvenuta il 10 gennaio, ma c’è chi inseguiva questa connessione da quasi 15 anni. Come il direttore dell’Exploration Progetto Maya Robert Schmittner, che spiega che questa mappatura è solo l’inizio di una nuova era della speleologia.

Secondo il Quintana Roo Speleological Survey, solo nel nord di Quintana Roo ci sono 358 sistemi di grotte sommerse, che rappresentano circa 1400 chilometri di passaggi di acqua dolce allagati.

grotta sommersa

Adesso, il passo successivo sarà quello di analizzare la qualità dell’acqua, studiare la biodiversità, insomma un labirinto tutto da scoprire, soprattutto perché la penisola dello Yucatan è costellata dalle meraviglie del popolo Maya.

Dominella Trunfio

Giornalista professionista, laureata con lode in Scienze Politiche e con un master in Comunicazione Pubblica e Politica. Vincitrice di due premi giornalistici per la realizzazione di due documentari. A settembre 2017 pubblica "Appunti di antimafia. Breve storia delle azioni della ‘ndrangheta e di quelli che l’hanno contrastata".
Caffè Vergnano

Regali di Natale: un’idea personalizzata e green per la persona che ami

Coop

Le bottigliette d’acqua riciclate del Jova Beach Party diventano t-shirt sportive

Salugea

Come fare incetta di vitamina D in inverno per evitare una carenza

Florena Fermented Skincare

Cosmetici naturali fermentati: cosa sono e perché sono così efficaci per la cura del viso

Seguici su Instagram
seguici su Facebook