Cenotes: i suggestivi pozzi naturali dello Yucatan

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Penisola dello Yucatan, Messico. Qui sorgono i Cenotes, dei particolari pozzi naturali che creano degli scorci suggestivi. Alcuni oggi sono diventati delle ‘piscine’ pubbliche, ma altri possono essere ammirati solo da lontano per non alterarne il delicato equilibrio. Come nascono?

Milioni di anni. Questo il tempo necessario alla formazione dei Cenotes. Nello Yucatan ce ne sono circa 7mila. Si tratta quindi di un fenomeno molto diffuso. I Cenotes sono pozzi naturali derivanti dal crollo di roccia calcarea. Essi sono associati alla penisola dello Yucatan, perché il territorio è principalmente costituito da calcare poroso.

Per milioni di anni, le precipitazioni hanno lentamente portato via il calcare creando un enorme sistema di grotte sotterranee e di caverne. Col tempo e la pioggia, alcune si sono riempite d’acqua, in alcuni casi portata da falde sotterranee. Ma quando il tetto di calcare veniva appesantito dall’acqua crollava, creando un cenote.

Il termine deriva dalla parola Maya “dzonot” o “ts’onot”. Tali pozzi rivestivano un grande significato per l’antico popolo. In primo luogo, i cenotes rappresentavano la principale fonte d’acqua in una terra che non aveva e tutt’ora vanta pochi fiumi superficiali e che attraversa lunghi periodi di siccità. Di conseguenza, tutti i villaggi maya furono costruiti in prossimità di un cenote, per avere a disposizione un rifornimento idrico permanente. Da qui l’importanza e la sacralità di questi luoghi per il popolo Maya.

In secondo luogo, i cenotes erano importanti anche per motivi religiosi. Tali grotte infatti venivano considerate dei portali per il mondo sotterraneo e un modo per comunicare con gli dei. Le ricerche archeologiche hanno trovato resti di cerimonie religiose svolte al loro interno, compresi sacrifici umani. Ecco alcune immagini:

Alcuni tra i cenotes più famosi sono grandi piscine di decine di metri di diametro, come quelle di Chichen Itza. Ma sono molti di più i bacini di piccole dimensioni, protetti e inaccessibili. Alcuni sono stati trasformati in piscine pubbliche. Uno dei migliori esempi è il Cenote Zaci, che si trova a Valladolid.

Francesca Mancuso

Foto: Flickr

LEGGI anche:

Hidden Beach o Playa del Amor: in Messico la spiaggia nata nel cratere

Parco nazionale dei Laghi di Plitvice: un paradiso naturale nel cuore della Croazia

Giornata Mondiale delle foreste: le immagini delle più belle del mondo

10 cascate mozzafiato

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Instagram

Seguici anche su Instagram, greenMe sempre a portata di mano

Coripet

Meno plastica con le bottiglie realizzate in PET riciclato, Bottle to Bottle di Coripet premia te e l’ambiente

Telepass

Telepass: quante emissioni fa risparmiare non fare la fila al casello?

Incendi Sardegna 2021

Le immagini, le storie e i numeri degli incendi che stanno devastando l’isola mettono i brividi

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook