sajama-lines

Nella Bolivia occidentale c’è una rete di migliaia di percorsi incisi nel terreno. Un reticolato di geoglifi lungo 16mila chilometri che forma le cosiddette ‘Linee di Sajama’, su cui ruotano storie misteriose leggende.

Le Linee di Sajama coprono una superficie di circa 22mila chilometri quadrati intervallati da huacas ovvero santuari, chullpas (cimiteri) e villaggi e dovrebbero risalire a circa 3mila anni fa. Sono considerati da alcuni come percorsi fatti per pellegrinaggi sacri.

Il primo a parlare delle Linee di Sajama è stato Aimé Felix Tschiffely nei suoi appunti di viaggio, in seguito anche l’antropologo Alfred Metraux grazie al suo studio etnografico delle popolazioni Aymara della regione di Caranga, si è interessato al fenomeno che oggi è monitorato anche dall’Università della Pennsylvania.

Perché, paradossalmente non esiste un piano di protezione dell’area e quindi all’interno del mondo accademico è stato creato il progetto ‘Tierra Sajama’ che ha proprio il compito di mantenere un database con informazioni e interpretazioni su queste misteriose linee.

sajama lines 22

L’ipotesi più accreditata è che esse siano state disegnate dalle popolazioni indigene del Sudamerica che vivono vicino al ghiacciaio Sajama. Come le più note Linee di Nazca in Perù, lo scopo di rimane un mistero, soprattutto per il grande sforzo richiesto dalla loro realizzazione e la complessità dei calcoli.

sajama lines 82

La loro lunghezza è stimata grossolanamente attorno ai 16 mila chilometri, circa 3 volte la larghezza degli Stati Uniti d’America., per questo sono considerate come il sito archeologico più grande delle Ande. Dall’alto sono un vero spettacolo e la precisione è notevole.

Le linee furono create scavando e spostando la vegetazione, i materiali che ricoprono il suolo, e le rocce ossidate, esponendo la sottostante superficie più chiara.

sajama lines1
Altri bellissimi misteri:
 

Secondo gli studiosi della University of Pennsylvania:

“Sebbene molte di queste linee sacre si estendono per oltre 10 o 20 chilometri (e forse anche di più), sembrano essere state tracciate con una incredibile precisione, nonostante la topografia ostile e gli ostacoli naturali. Il numero totale di linee è difficile da percepire stando a livello del terreno, ma dall’aria o dalla sommità di una collina sono impressionanti”.

Dominella Trunfio

Fonte

Foto: University of Pennsylvania

maschera lavera 320

Salugea

Colesterolo alto: ridurlo in soli 3 mesi naturalmente

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
banner colloqui dobbiaco
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram