sierra divisor perù 02

È stata appena inaugurata in Perù una delle riserve naturali più estese del mondo, il Parco Nazionale Sierra del Divisor, che proteggerà oltre 1,3 milioni di ettari di foresta, montagne di origine vulcanica e biodiversità nelle regioni amazzoniche di Loreto e Ucayali, al confine con il Brasile.

La scelta di mettere sotto tutela un territorio così vasto è il risultato di una campagna di opinione portata avanti, negli ultimi dieci anni, da numerosi scienziati, dalle comunità indigene locali e da diverse organizzazioni internazionali e culminata nella raccolta, da parte di Avaaz, di oltre un milione di firme.

La risposta favorevole del Governo peruviano è il frutto di tali pressioni, ma anche della volontà di ottemperare agli impegni presi in sede interazionale sul tema della riduzione delle emissioni, in vista della prossima COP21 di Parigi.

sierra divisor perù 00

Si tratta di un passo importante, per un Paese che, sul fronte della tutela del proprio enorme patrimonio ambientale, ha spesso agito in modo contraddittorio, come mostra ad esempio la storia di Maxima Acuña Chaupe, che vi abbiamo raccontato qualche tempo fa.

sierra divisor perù 01

Secondo le organizzazioni ambientaliste, l’ampia area compresa nel Parco Nazionale Sierra del Divisor ospita 21 comunità indigene (di cui almeno una incontattata), 42 insediamenti e numerosissime specie animali e vegetali, molte delle quali esistono solo in questo angolo del Pianeta.

Basti pensare che, tra il 2002 e il 2005, un’equipe del Field Museum di Chicago ha portato avanti un dettagliato inventario della biodiversità presente nella regione, scoprendo oltre 20 specie viventi che, prima di allora, non erano mai state catalogate. Da quel momento, anche l’istituto di ricerca americano si è battuto affinché la Sierra del Divisor diventasse una riserva protetta, unendo la propria voce a quella di numerosissime altre organizzazioni.

sierra divisor perù 04

sierra divisor perù 05

sierra divisor perù 06

sierra divisor perù 03

La Sierra del Divisor è una delle più antiche aree geologiche della foresta amazzonica ed è per la maggior parte incontaminata: l’istituzione della riserva, che porterà fondi e risorse nella regione, dovrebbe contribuire a minimizzare il rischio di disboscamento ed estrazioni minerarie illegali, contrastando anche l’attività dei trafficanti di droga, che spesso utilizzano aree remote e poco battute per coltivare le proprie piantagioni.

L’istituzione della riserva protetta non solo porterà beneficio anche alle circa 230 mila persone che utilizzano acqua e cibo provenienti dalla regione, garantendone la purezza e sicurezza, ma, aiutando a proteggere uno dei polmoni verdi del nostro Pianeta, contribuirà al benessere di tutti noi. Nessuno escluso.

Lisa Vagnozzi

Photo Credits

LEGGI anche

Maxima Acuña Chaupe, la coraggiosa contadina che lotta contro la più grande miniera d’oro dell’America Latina (FOTO e VIDEO)

Riserva di Paracas: in Perù l'imperdibile paradiso della natura e della biodiversità

Huacachina: la magnifica oasi nel deserto del Peru'

maschera lavera 320

Salugea

Colesterolo alto: ridurlo in soli 3 mesi naturalmente

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
banner colloqui dobbiaco
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram