Ryanair, stop ai viaggi gratis per neonati. Ora pagano più di 25 euro a tratta

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Viaggiare con bambini e neonati sarà ancora più costoso con Ryanair. La compagnia irlandese ha introdotto il cosiddetto supplemento neonati, pari a 25€. Una novità poco apprezzata dalle famiglie.

Come spiega Ryanair sul proprio sito alla pagina dedicata alle tariffe, si applicherà il costo di 25€ per neonato/per tratta. Tale cifra riguarda

“i bambini di età inferiore ai 2 anni sia per il viaggio di andata che di ritorno”.

Prima dell’introduzione del supplemento neonati, i bambini fino a 12 mesi non pagavano ma non avevano diritto al posto a sedere e avevano l’obbligo di stare in braccio al genitore, legati con un’apposita cintura. Dai 12 mesi fino a 2 anni di età, il bambino pagava un forfait di circa 20 euro a tratta.

Tuttavia non sarà più così. Abbiamo provato a fare una simulazione sul sito di Ryanair, inserendo nella prenotazione un adulto e due bambini, ossia un neonato e un bambino di 2 anni compiuti. Come si vede nell’immagine che segue, in un volo nazionale il neonato paga ben 27,50€ ma, ancora peggio, il bambino paga la stessa tariffa dell’adulto, nel nostro caso 86,36€.

dettaglio prezzi ryanair

In altre parole, il neonato/bambino fino a 2 anni pagherà la cifra forfettaria mentre al di sopra dei 2 anni si pagherà il biglietto intero.

Di recente poi il Tar del Lazio ha deciso di sospendere le multe dell’Antitrust, inflitte a Ryanair e Wizz Air per le nuove politiche sui prezzi dei bagagli.

“L’Antitrust aveva correttamente rilevato come le nuove policy tariffarie sui bagagli a mano non garantissero trasparenza agli utenti sul fronte della comparazione dei prezzi dei biglietti, e considerato che il trasporto dei bagagli a mano è elemento essenziale del servizio di trasporto aereo aveva elevato una sanzione che riconosceva i diritti lesi dei consumatori. Con le ordinanze odierne il Tar rimette tutto in discussione e, ancora una volta, gli utenti vedono i propri interessi non adeguatamente tutelati nei confronti delle grandi società”, ha detto il presidente dell’Associazione Carlo Rienzi.

Per fortuna sembrano essersi salvate le 2 attrezzature per bambini che è possibile trasportare gratuitamente:

“È consentito un passeggino più uno dei seguenti articoli: seggiolino per auto, seggiolino rialzato o lettino da viaggio” si legge sul sito.

Magra consolazione per le famiglie che amano viaggiare.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook