La Val di Sole offre soggiorni gratuiti in montagna agli operatori degli ospedali COVID per ringraziarli del loro impegno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dopo settimane di sacrifici e turni estenuanti a causa dell’emergenza Covid-19, ci auguriamo tutti che arrivi al più presto anche per il personale sanitario un periodo di (stra)meritato riposo. Per esprimere la gratituine nei confronti degli angeli custodi dei nostri ospedali, gli operatori turistici della Val di Sole del Trentino hanno pensato di offrire loro una vacanza gratuita quando l’incubo del coronavirus si sarà concluso.

Il soggiorno non sarà destinato esclusivamente a medici, infermieri e tecnici, ma anche il personale ausiliario e gli addetti alle pulizie.

“Tutti hanno fatto la loro parte. È il momento di ricompensarli. Dopo un periodo di fortissimo stress e di lontananza dalle famiglie, non appena l’emergenza sarà passata, potranno godersi il meritato riposo nei luoghi che più ispirano pace e relax: le montagne, scenari ideali per riscoprire il piacere della lentezza, che cura e rigenera corpo e spirito.”

spiegano dalla Val del Sole.

Queste persone, che hanno lavorato senza sosta durante le ultime difficili settimane, avranno l’opportunità di soggiornare gratuitamente per 3 notti in uno degli hotel della Val di Sole trentina, fino ad esaurimento posti disponibili per l’offerta. Sono stati proprio i gestori delle strutture ricettive locali a lanciare questa proposta. Per partecipare all’iniziativa basterà inviare una lettera dell’azienda ospedaliera nella quale si è lavorato per attestare il servizio svolto nel Covid Center.

“La drammatica esperienza del coronavirus ci ha ricordato quanto sia importante ricostruire i legami di solidarietà e di condivisione all’interno di una comunità”

spiega Fabio Sacco, direttore dell’APT Val di Sole.

“Nei momenti più gravi dell’epidemia ci siamo affidati totalmente al personale sanitario e ausiliario, sottoposto a pressioni inimmaginabili. Tutti hanno fatto la propria parte. Tutti sono stati determinanti per il risultato di salvare vite umane. Ora siamo noi a dover dare qualcosa a loro, ricompensando il loro impegno e la loro dedizione. È con questo spirito che abbiamo accolto con piacere l’iniziativa proposta e sviluppata dai nostri operatori turistici. Sarà l’occasione anche per ricordare il grande apporto positivo che la montagna sa offrire alla salute di tutti noi”.

@Archivio APT Val di Sole

Che l’aria di montagna sia salutare è assodato e può essere un’esperienza terapeutica a livello fisico e mentale per chi ha vissuto un periodo particolarmente stressante, come è accaduto al personale sanitario impegnato nella lotta al Covid-19.

Per questo in Trentino riceveranno gratuitamente anche la Val di Sole Guest Card (per usare gli impianti di risalita) e potranno usufruire di una delle “top experience” che la Val di Sole ha selezionato per mostrare il vero volto della montagna: l’emozione dell’alba in malga, una giornata a fianco dei contadini montani, una ciclo passeggiata sui 35 km della ciclabile del fiume Noce, un’adrenalinica discesa degli impetuosi torrenti montani, le Terme di Pejo e Rabbi, percorsi di park therapy o escursioni serali alla ricerca dei cervi e degli altri animali del Parco Nazionale dello Stelvio.

Così, finalmente i nostri eroi in corsia potranno immergersi nella natura e nel silenzio, lontano dal trambusto degli ospedali e dal rumore delle sirene delle ambulanze.

Per saperne di più, le strutture aderenti e le modalità di adesione visita la sezione del sito dedicata all’iniziativa

Fonte: Ufficio Stampa Val di Sole

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook