Sfruz, il paese che rallenta per far giocare i bambini per strada

sfruz_trentino

‘Attenzione, rallentare. In questo paese i bambini giocano per strada’. Da qualche giorno a Sfruz, un borgo in cima alla Val di Non, nel Trentino Alto Adige, è spuntato un cartello stradale molto particolare.

È un vero e proprio richiamo per gli automobilisti, non un semplice monito con il classico segnale indicante la velocità da rispettare, ma un attenzione in più: quella di ricordarsi che in questo piccolo paese, i bambini giocano ancora (e per fortuna) per strada.

L’idea è venuta al neo assessore Patrizia Poli che si è presa a cuore la questione che riguarda la sicurezza dei bambini nello specifico, ma in generale quella di non perdere questa bella abitudine, ormai per forza di cose, rimasta solo nei piccoli paesi.

Un cartello che forse farà venire a molti la nostalgia di quando a videogiochi e smartphone si preferiva stare seduti per terra, giocare a palla o alla campagna. Certo, erano altri tempi. Anche tante città più piccole con il tempo hanno abbandonato quest’abitudine, ma per fortuna qualcuno resiste.

A Sfruz ci sono 334 abitanti e oltre sessanta sono bambini, attorno tanti altri borghi vittime dello spopolamento, ma qui almeno fino ai 18 anni si rimane. Poi si emigra e poi si ritorna. Questo spinge il sindaco Andrea Biasi ad essere ottimista sul futuro del suo paese.

Qui tra la chiesetta e le viuzze vive una comunità forte che rispetta e valorizza l’importanza del gioco nell’infanzia. Un piccolo centro ben curato con portali e androni che regalano un’atmosfera antica.

LEGGI anche: COME FAR GIOCARE E DIVERTIRE I BAMBINI ANCHE SENZA GIOCATTOLI

sfruz trentino1

Sono in tantissimi coloro che fanno passeggiate ed escursioni nei dintorni per osservare il gruppo delle Dolomiti di Brenta e delle Maddalene. Paesaggi incontaminati, il cui silenzio viene rotto solo dal vociare dei più piccoli, ma nessun disturbo solo una fusione perfetta della natura.

Dominella Trunfio

Foto

Giornalista professionista, laureata con lode in Scienze Politiche e con un master in Comunicazione Pubblica e Politica. Vincitrice di due premi giornalistici per la realizzazione di due documentari. A settembre 2017 pubblica "Appunti di antimafia. Breve storia delle azioni della ‘ndrangheta e di quelli che l’hanno contrastata".
Caffè Vergnano

Regali di Natale: un’idea personalizzata e green per la persona che ami

Coop

Natale Green, dal menù ai regali, dalle decorazioni alla tavola, la guida per le feste

Coop

Mini-muffin al cioccolato serviti e cotti nella buccia di clementine

Hello Fish!

Preservare i nostri mari un passo alla volta, a partire dalla stagionalità del pesce

Seguici su Instagram
seguici su Facebook