Mangiare vegetariano in montagna si può! Sul Tonale i primi due rifugi green con menù certificati sostenibili

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Mangiare vegetariano nei rifugi di montagna non sempre è impresa facile. Ma ora, grazie al progetto di APT Val di Sole e Consorzio Pontedilegno-Tonale, nuovi menu sostenibili entrano a far parte dell’offerta di due rifugi, che per questo hanno ricevuto un’importante riconoscimento internazionale.

Siamo nel Passo Tonale, una delle località alpine più belle e suggestive del Trentino Alto Adige. Un luogo incontaminato, in cui trascorrere una vacanza diversa all’insegna della pace e della serenità – lontani dal trantran della nostra routine quotidiana o dalle affollate spiagge. Spesso però, chi segue un’alimentazione vegetariana o vegana, si trova in difficoltà nelle splendide baite di montagna che offrono agli avventori menu a base di carne, insaccati e salumi tipici della tradizione locale, lasciando poche altre alternative a questi piatti.

Ma ora non più. Due rifugi dell’area Pontedilegno-Tonale – Capanna Presena e Panorama 3000 Glacier – hanno ricevuto questa settimana una speciale certificazione per la loro offerta di menù studiati per essere il più possibile sostenibile e inclusivi, e per venire incontro alle esigenze alimentari di tutti: l’attestazione ISO/TS 17033 è infatti lo standard internazionale per avere dichiarazioni sulla sostenibilità accurate, verificabili e non fuorvianti. Protagonisti dei menù prodotti a marchio DOP e IGP, biologici e di presidi Slow Food: ci saranno almeno 5 prodotti tipici e strategici per il territorio con ottica di stagionalità e il 50% minimo in valore di prodotti con marchi DOP, IGP, biologici o di presidi Slow Food; inoltre, opzioni specifiche per bambini, vegani e vegetariani, e sportivi.

I rifugi utilizzeranno, nel maggior numero di casi possibili e con percentuali minime ben definite, materie prime locali e con indicazione geografica – spiega Fabio Sacco, direttore APT Val di Sole. – Inoltre, privilegeranno i piccoli produttori collocati nel territorio che scelgono metodi di coltivazione naturale, biologica o biodinamica. Vogliamo che questi menu diventino veicoli culturali e identitari ma anche strumenti di collaborazione con i produttori agricoli del territorio circostante e di formazione per i ragazzi che vogliono intraprendere la strada dell’attività ricettiva.

(Leggi anche: Monte San Pietro, la prima malga vegan del Trentino Alto Adige)

Ma diamo un’occhiata ai alle proposte vegetariane e vegane delle due strutture. La specialità del Rifugio Panorama 3000 Glacier è il Pian di neve, un panino di grano tenero ripieno di verdure di stagione grigliate, formaggio fresco spalmabile e pesto di radicchio rosso alla salsa tartara.

rifugi tonale

Credits: Ufficio Stampa Consorzio Pontedilegno Tonale

C’è poi il più tradizionale ‘tagliere’, che offre una  selezione di formaggi freschi e stagionati del Caseificio Sociale Presanella e sfere di Mezzanello nostrano pastellate in farina di grano saraceno di Storo e fritte abbinato ad un calice di Teroldego Rotaliano DOC o Marzemino Trentino DOC della Linea Fondazione Edmund Mach di san Michele all’Adige. Immancabili infine i dolci – dallo strudel di mele Melinda DOP alla torta Sacher e alla crostata con marmellata che possono essere gustati insieme ad un buon succo di frutta bio o una cioccolata calda. 

Il Rifugio Capanna Presena divide invece fra menù self-service e menù servito: 

Menù self – service: servizio pranzo

  • PRIMI PIATTI
      • Pizzoccheri di farina di grano saraceno con formaggio nostrano di malga  
      • Chicche di polenta al gorgonzola del Caseificio Sociale Presanella            
      • Pappardelle di nostra produzione ai funghi porcini
  • SECONDI PIATTI
      • Trancio di formaggio alla piastra con polenta di Storo e funghi

Menù servito: servizio cena riservato agli ospiti delle stanze di Capanna Presena

  • PRIMI PIATTI
      • Fagottino gratinato di grano saraceno di Storo ai formaggi di malga
      • Gnocco di patate viola su crema di Casolét e besciamella al tartufo estivo
      • Panciotti al cuore morbido cremoso con scaglie di Bagoss Presidio Slow Food e burro aromatico
  • SECONDI PIATTI
      • Timballo di verdure di stagione su crema di formaggi di malga

L’attestazione appena ottenuta è solo il primo passo verso il raggiungimento dell’obiettivo ben più alto e ambizioso messo in cantiere da Consorzio Pontedilegno-Tonale e APT Val di Sole: trasformare tutti i rifugi in rifugi sostenibili entro i prossimi due anni, attraverso la messa in pratica di diverse azioni che si muovono su tre linee guida principali – approvvigionamento energetico, ripensamento dei materiali utilizzati (soprattutto nella ristorazione), creazione di menù ad alta sostenibilità ambientale.

Ecco quindi che, oltre alla qualità dei prodotti e delle materie prime, grande importanza verrà data anche alla sostenibilità delle strutture, che diventeranno gradualmente plastic free e sempre più attente all’efficientamento energetico, al fine di eliminare eventuali sprechi nelle risorse.  Sono già in cantiere progetti per garantire alle strutture energia 100% green, proveniente esclusivamente da fonti rinnovabili e possibilmente locali. Queste sono azioni concrete per un turismo sostenibile e a difesa dell’ecosistema della montagna.  

Seguici su Telegram Instagram Facebook TikTok Youtube

Fonte: Ufficio Stampa Consorzio Pontedilegno Tonale

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook