Monteruga: l'affascinante borgo fantasma del Salento (FOTO e VIDEO)

villaggio fantasma monteruga

Dagli anni Ottanta balza alla cronaca solo perché è diventato un simbolo dell’abbandono. Tra le sterpaglie delle campagne di San Pancrazio, Salice e Veglie, nel cuore del Salento si trova Monteruga, un piccolo borgo nato in epoca fascista che da oltre trent’anni non conta più abitanti.

La storia di Monteruga è quella di un paesino nato intorno agli anni Cinquanta grazie ad una masseria. Meno di mille abitanti e i servizi essenziali: la scuola, la caserma, la chiesa, i frantoi, parte integrante di un agglomerato del regime fascista morto dopo la privatizzazione dell’azienda agricola, diventato oggi l’emblema della desolazione.

LEGGI anche: LATURO: UN BORGO FANTASMA DA RECUPERARE IN MODO SOSTENIBILE

Oggi Monteruga è visitata solo dai curiosi che vogliono scoprire se questo posto esiste davvero. Un paese fantasma vittima del degrado e dell’incuria, in cui tutti quei luoghi un tempo riempiti da volti e voci sono stati dimenticati.

LEGGI anche: CIVITA DI BAGNOREGIO, IL MERAVIGLIOSO BORGO DI TUFO CHE RISCHIA DI SCOMPARIRE PER SEMPRE

Le strutture sono fatiscenti, molti edifici non hanno più porte e finestre, Monteruga è un luogo spettrale. Dopo la privatizzazione dei terreni agricoli che davano il sostentamento alla comunità locale e l’urbanizzazione dei grandi centri, gli abitanti del paese salentino hanno lasciato le loro case.

LEGGI anche: BORGHI ABBANDONATI: IN ITALIA SONO 1500 E RISCHIANO DI SCOMPARIRE PER SEMPRE (FOTO)

monteruga3
monteruga4
monteruga 6 1
monteruga 6
monteruga5
Una fine lenta ma inesorabile: Monteruga è stata perfino ignorata dall’amministrazione che non ha saputo vederne le potenzialità trasformandola in un borgo di ospitalità diffusa. Oggi i visitatori ci sono ma il turismo è quello dell’abbandono.

Dominella Trunfio

Foto

germinal bio

Germinal Bio

Germinal Bio contribuisce a rigenerare i boschi veneti colpiti dalla tromba d'aria

hcs320

Eivavie

Come depurare l'acqua del rubinetto con i filtri in ceramica

corsi pagamento
seguici su facebook