Lo straordinario orologio ad acqua del Pincio a Roma (FOTO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

È l’unico modello di idrocronometro collocato all’interno di un giardino pubblico in Italia e si trova nel viale dell’Orologio del Pincio a Roma.

Parliamo appunto dell’orologio d’acqua inventato nel 1867 da padre Giovan Battista Embriaco e presentato addirittura all’Esposizione universale di Parigi.

La particolarità di questo orologio a quattro quadranti, sta nel suo funzionamento che è garantito dall’acqua sottostante che aziona sia il pendolo che la suoneria.

orologio ad acqua roma1Foto

Chi passeggia per il Pincio non potrà fare a meno di notare una piccola torre su un isolotto al centro di un lago, è lì che domina l’orologio d’acqua che purtroppo, è spesso oggetto di atti vandalici, in ultimo quello del febbraio scorso.

Dopo l’ennesimo gesto vile in cui appunto, era stato fatto in frantumi il vetro della torretta che nasconde l’orologio, il capolavoro di ingegneria è stato restaurato ed è tornato a segnare il tempo.

L’orologio ad acqua donato al comune di Roma, dal 2007 grazie a una convenzione è stato adottato dalla Scuola Elis – Sezione orologeria, che ne cura gratuitamente la manutenzione sia ordinaria che straordinaria.

orologio ad acqua romaFoto

orologio ad acqua roma3Foto

L’ambientazione dell’orologio era stata curata, invece, dall’architetto di origine svizzera, Gioacchino Ersoch che scelse appunto come casa del meccanismo, una torretta lignea realizzata con l’utilizzo di ghisa fusa che riprende i motivi di un tronco di albero.

I quadranti dell’orologio ad acqua sono visibili da qualsiasi direzione e lo stile floreale delle lancette si sposa perfettamente con l’ambiente circostante, tanto da dire che esso è un connubio ideale di arte e scienza.

Questo esempio di architettura meccanica ha sempre suscitato la curiosità di passanti e visitatori, l’idea del suo creatore è stata quella di utilizzare la forza motrice dell’acqua per spostare il pendolo e caricare l’orologio, aggiungendo anche una suoneria che inizia a farsi sentire, grazie al riempimento alternato di due bacinelle.

Se passate da Villa Borghese non dimenticate di fare un salto verso il viale dell’orologio al Pincio, per ammirare questa splendido capolavoro ottocentesco.

Dominella Trunfio

LEGGI anche:

frecciaLA CASINA DELLE CIVETTE, IL MUSEO CHE SEMBRA USCITO DA UN LIBRO DI FAVOLE (FOTO)

frecciaGIARDINO DEGLI ARANCI: UN MERAVIGLIOSO ANGOLO DELLA ROMA NASCOSTA CHE TORNERÀ A RISPLENDERE

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook