Dighe di Panperduto: dal degrado all’eco-museo. Si torna a navigare nella Valle del Ticino

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Chi conosce le Dighe di Panperduto sa bene di cosa si parla. Un gioiello dell’idraulica industriale di fine ‘800, una imponente opera da cui hanno origine il sistema dei Navigli e il Canale Villoresi che per forza doveva essere riqualificata.

Siamo nel Parco Regionale della Valle del Ticino, in Lombardia, e qui si mira, con il progetto Idrotour, a dare nuova vita proprio alle celebri dighe di Somma Lombardo e, perché no, a rispolverare il piano di ripristino della navigabilità da Locarno a Milano, e di qui a Venezia.

Promosso da Regione Lombardia e dal Consorzio Est Ticino Villoresi insieme al partner svizzero Associazione Locarno-Milano-Venezia, e concepito nell’ambito del programma europeo Interreg Italia-Svizzera, il progetto Idrotour trasforma tutto il sito in un vero ecomuseo: oltre ai lavori di messa in sicurezza delle Dighe, infatti, sono stati realizzati il Museo delle Acque italo-svizzere e l’Ostello “Locanda Panperduto”.

panperduto museo

Il primo, ricavato in un ex magazzino, è al centro dell‘isola di Confurto, una lingua di terra tra il fiume Ticino e il bacino di calma di Panperduto, ed è pensato come un museo diffuso, pienamente integrato con l’ambiente e il territorio circostante.

Il secondo ricavato dal vecchio casello idrico delle Dighe e trasformato in una struttura ricettiva ecosostenibile con stanze a 2 e 4 posti letto oltre a una foresteria, in grado di ospitare sino 6 persone. Sia il Museo che l’ostello sono raggiungibili anche grazie alla LoVeMi, un’imbarcazione a propulsione ibrida progettata per la fruizione turistica della diga.

panperduto diga

Anche in bici – Tutta la filosofia del progetto è inoltre ispirata alla mobilità dolce e all’ecosostenibilità, integrandosi con l’itinerario ciclo pedonale della Valle del Ticino, lungo il sentiero europeo E1, e con le altre vie navigabili che man mano saranno restituite al territorio.

Quanto alla natura, l’area delle Dighe del Panperduto racchiude tutta la vegetazione padana, con lembi boschivi analoghi a quelli delle grandi foreste alluvionali dell’Europa: alberi tipici della foresta pedemontana, fiori acquatici, arbusti non più presenti nella pianura coltivata ed erbe medicinali.

panperduto bici

PRENOTAZIONI – È possibile prenotare l’accesso alla diga direttamente presso il Consorzio Villoresi ([email protected], tel. 02 48561301), ma fra qualche mese una gara individuerà il soggetto gestore dei servizi museali e di ospitalità.

Germana Carillo

LEGGI anche:

Milano, città d’acqua, per uno sviluppo sostenibile

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook