Cascina dei Mulini Asciutti, per ritrovare equilibrio con la natura (e il passato)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Questo viaggio a Monza e nella sua Brianza dall’animo green, potrebbe iniziare proprio dalla Cascina dei Mulini Asciutti, un complesso rurale all’interno del Parco di Monza, dove storie di sostenibilità prendono vita.

Ci si arriva a piedi o ancor meglio, con una pedalata in bicicletta. Dopo aver respirato a pieni polmoni un po’ di aria salubre e incrociato aironi e scoiattoli, incontriamo Luca Baglivo di CREDA onlus, l’organizzazione senza scopo di lucro che ci racconta ‘Le storie del Mulino’ e tutto il percorso di ricerca ed educazione ambientale che si sta portando avanti.

“Oggi più che mai, è importante ritrovare un equilibrio con la natura, sentirsi responsabili di ciò che ci circonda”, ci spiega.

Costruiti nel 1834 su progetto di Giacomo Tazzini, i Mulini Asciutti sono due edifici collegati da un porticato. Qui si sente ancora il rumore delle antiche macine, l’odore di un piccolo forno per la cottura del pane e l’armonia regalata da un ponticello in un angolo del cortile. I vecchi ingranaggi rimandano ai sapori antichi, nei locali sono custodite le ruote in pietra usate per le diverse macinazioni, c’è la sala della macinazioni e le antiche stalle con granaio, fienile e ricovero per gli attrezzi, dove attualmente si svolgono corsi di educazione ambientale e panificazione per bambini.

“L’obiettivo è quello di stimolare la sensibilità e l’empatia verso i luoghi, promuovendo l’amore per la natura e per il patrimonio naturale e culturale, incoraggiando le persone a cercare posti autentici”, spiega ancora Luca.

Energia rinnovabile

“Unire il recupero dell’antico mulino ad acqua della Cascina Mulini Asciutti con la produzione di energia rinnovabile è sempre stato il nostro obiettivo”, aggiunge Luca.

Da quando sono entrate in funzione nella prima metà dell’‘800 fino al dopoguerra, le sei macine del mulino nel Parco di Monza hanno prodotto quintali e quintali di farina ogni giorno.

“Oggi, grazie alla forza pulita dell’acqua del fiume Lambro, tornano a produrre farina di qualità ed energia elettrica “verde”, in grado di soddisfare bisogni annuali medi di quattro famiglie”.

cascina mulini monza

@greenme

cascina mulini monza

@greenme

cascina mulini monza

@greenme

Le api

Il gatto Pepe dorme sotto un albero, il rumore dell’acqua che cade nel canale è un piacevole sottofondo mentre vicino al forno troviamo l’apiario che solitamente ha 40 favi ed è gestito da Luca Pisoni che spiega a famiglie, bambini e studenti tutti i segreti dell’ape, l’insetto più importante del nostro Pianeta. “Senza impollinazione non c’è riproduzione, non c’è cibo, non c’è vegetazione, non c’è vita”, dice ancora Luca.

Durante l’anno viene organizzato anche un corso pratico, dove ogni apicoltore viene coinvolto nella gestione dell’apiario per l’intero anno produttivo. “Ha così la possibilità di seguire le attività pratiche nella loro interezza, affiancato da un apicoltore esperto e al termine del corso si avrà una piccola quota del miele prodotto durante l’anno e si avrà la possibilità di crearsi e acquistare un proprio nucleo di api per iniziare l’attività apistica in modo autonomo”.

cascina mulini monza

@greenme

cascina mulini monza

@greenme

Cascina dei Mulini Asciutti, cosa fare

Dal 2010 Cascina Mulini Asciutti è sede del Centro di Educazione Ambientale e alla Sostenibilità (CEAS) gestito da CREDA onlus. Qui si svolgono corsi e attività educative e formative rivolte a scuole, aziende e cittadini. Vengono poi ospitati eventi e iniziative culturali come mostre, science café, meeting, installazioni di land art, concerti e spettacoli teatrali. Da non perdere anche i campus estivi per bambini e ragazzi.

cascina mulini monza

@greenme

cascina mulini monza

@greenme

Per tutte le informazioni su attività e prossimi appuntamenti della Cascina dei Mulini Asciutti CLICCA QUI
Per saperne di più su Monza e cosa visitare CLICCA QUI

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook