Alla scoperta di Monteruga, il borgo fantasma nel cuore del Salento che sembra uscito da un film horror

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In Salento si trova una paesino abbandonato che negli ultimi anni è diventato una delle mete più apprezzate dagli amanti dei luoghi spettrali e misteriosi 

Dagli anni Ottanta balza alla cronaca perché è diventato un simbolo dell’abbandono. Tra le sterpaglie delle campagne di San Pancrazio, Salice e Veglie, nel cuore del Salento si trova Monteruga, un piccolo borgo nato in epoca fascista che da oltre trent’anni non conta più abitanti.

La storia di Monteruga è quella di un paesino nato intorno agli anni Cinquanta grazie ad una masseria. Meno di mille abitanti e i servizi essenziali: la scuola, la caserma, la chiesa, i frantoi, parte integrante di un agglomerato del regime fascista morto dopo la privatizzazione dell’azienda agricola, divenuto oggi l’emblema della desolazione.

Leggi anche: Laturo, un borgo fantasma da recuperare in modo sostenibile

Oggi Monteruga è visitata solo dai curiosi che vogliono scoprire se questo posto esiste davvero. Un paese fantasma vittima del degrado e dell’incuria, in cui tutti quei luoghi un tempo riempiti da volti e voci sono stati dimenticati.

Le strutture sono fatiscenti, molti edifici non hanno più porte e finestre, Monteruga è un luogo spettrale. Dopo la privatizzazione dei terreni agricoli che davano il sostentamento alla comunità locale e l’urbanizzazione dei grandi centri, gli abitanti del paese salentino hanno lasciato le loro case.

Una fine lenta ma inesorabile: Monteruga è stata perfino ignorata dall’amministrazione che non ha saputo vederne le potenzialità trasformandola in un borgo di ospitalità diffusa. Oggi i visitatori ci sono ma il turismo è quello dell’abbandono.
 
 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook