L’Alpe Cimbra è ufficialmente una Perla Alpina: Folgaria, Lavarone e Lusèrn sposano il turismo lento e sostenibile

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’Alpe Cimbra in Trentino è diventata ufficilmente la decima località italiana del circuito Alpine Pearls, l’associazione che racchiude dal 2006 le cosiddette “perle alpine” ovvero le località dell’arco alpino che promuovono un turismo lento e all’insegna della sostenibilità.

Folgaria, Lavarone e Lusèrn, i tre Comuni che compongono il territorio dell’Alpe Cimbra hanno, infatti deciso di abbracciare i valori di mobilità dolce e turismo non invasivo e in piena armonia con la natura, promossi dall’Associazione con sede in Austria che al momente raccoglie ben 21 località, di cui, appunto, 10 in Italia.

L’Alpe Cimbra è la prima però ad essere entrata in Alpine Pearl con lo status di “Perla Candidata”. Il motivo lo spiega il Presidente di Alpine Pearls Peter Brandauer, che è anche sindaco di Werfenweng, villaggio modello per la mobilità dolce, in cui si può davvero fare a meno dell’auto senza minimamente sentirne la mancanza:

“Con l’adesione di questa splendida destinazione sulle montagne del Trentino, si apre la strada a località che ancora non soddisfano al 100% i severi criteri di Alpine Pearls sul tema mobilità, ma sono impegnate a promuovere un turismo in montagna sempre più in sintonia con l’ambiente e hanno in cantiere progetti innovativi per incentivare una vacanza in armonia con la natura”.

Grande soddisfazione per l’Azienda per il Turismo dell’Alpe Cimbra:

Abbiamo accolto con grande entusiasmo la candidatura ad Alpine Pearls –  afferma Daniela Vecchiato Direttore dell’Apt – in virtù di quello che è da sempre uno degli assett della proposta turistica dell’Alpe legato al turismo slow, al forte abbinamento tra storia, cultura e tradizioni, e alla valorizzazione del rispetto dell’ambiente alpino e della sostenibilità anche attraverso eventi specifici come il Festival del Gioco e la Fiaba Regna, rivolti alla sensibilizzazione su queste tematiche attraverso il gioco dei piccoli ospiti della località.

La candidatura è stata fortemente voluta dal Sindaco di Lavarone Isacco Corradi che ha poi coinvolto i sindaci di Folgaria e Lusérn , tutti già fortemente orientati a una gestione virtuosa e sostenibile del territorio. Il lago di Lavarone anche quest’anno è stato insito della Bandiera Blu 2020

Una perla in divenire, che siamo certi riuscirà a diventare presto un esempio di turismo sostenibile e uno stimolo per una vacanza all’insegna del rispetto della natura. Ma soprattutto senza auto!

mobilita dolce alpe cimbra

@alpine-pearls

Ti potrebbero interessare anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Direttore responsabile ed editoriale di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa. In greenMe ha trovato il modo di dare sfogo alla sua "natura" più vera.
Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook