Apre il primo museo del pane di Altamura nell'antico forno medievale dove tutto è nato

museo pane

Una storia da raccontare che narra millenni di tradizione: Altamura si prepara a rendere onore al suo buonissimo pane con il nuovo Museo del Pane di Vito Forte, che verrà inaugurato in uno dei forni medioevali più antichi del ‘300 tra quelli rimasti nella città murgiana.

Prenderà corpo così il primo museo tematico dedicato al pane più famoso della Puglia e d’Italia, creando un autentico ponte tra storia e innovazione tecnologica in un antico forno fortemente legato alla storia del fondatore di Oropan, Vito Forte.

È qui, a pochi passi dalla Cattedrale di Santa Maria Assunta, infatti, che nel 1956 ebbe origine una parte importante della storia del pane di Altamura Dop, attraverso la tenacia di un allora garzone tredicenne, Vito, che negli anni ha poi dato vita a una delle imprese più importanti del luogo.

Nelle sale del Museo sarà possibile esplorare “l’universo del Pane” e ammirare un archivio fatto di reperti di utensileria, strumenti di lavoro ben conservati e vari tipi di grani, farine e forme di pane.

Il tutto sarà narrato di pari passo con l’evoluzione dell’azienda-madre sino ai giorni nostri, in un percorso sensoriale e multimediale realizzato con delle installazioni e suddiviso in nodi spaziali e tecnologici, corrispondenti ai diversi ambienti del museo, usando tecnologie più avanzate come videomapping, video teaser e mini documentari.

Dare conto della storia attraverso un museo, e farlo anche manifatture tipiche di un territorio consente di conservare beni e saperi di un tempo, nella speranza che non tutto vada perso. L’idea di un luogo tutto dedicato a uno dei pani più buoni al mondo dà onore a una terra che ha davvero tanto da offrire.

Per maggiori info: www.museodelpaneforte.it

Leggi anche:

Germana Carillo

germinal bio

Germinal Bio

Germinal Bio contribuisce a rigenerare i boschi veneti colpiti dalla tromba d'aria

hcs320

Eivavie

Come depurare l'acqua del rubinetto con i filtri in ceramica

corsi pagamento
seguici su facebook