koster6

Armonia è accordo tra le parti in un tutto gradevole ai sensi. KOSTERS TRÄDGÅRDAR è un accordo con la natura. Un patto siglato nel rispetto e nell'accoglienza reciproca. Nato dall'amore e dalla scelta etica di Helena e Stefan, vive e cresce grazie all'impegno attivo e costante degli ideatori, dei sostenitori stagionali e dei visitatori.

La struttura è costruita secondo sistemi di bassissimo impatto ambientale, l'energia proviene da fonti rinnovabili, quel che si mangia è in larga parte a km zero ( anche se l'unità di misura è un po' azzardata, date le dimensioni ristrette dell'isola! ), si risparmia su tutto in modo felice e responsabile: dal bucato, al preparazione dei pasti o allo sciacquone in bagno. Si organizzano corsi di permacultura, metodo con cui viene coltivata la frutta e la verdura nell'orto e nelle serre. Si ospitano gruppi di tutte le età e scuole per insegnare il metodo e non solo.

KOSTER2

Approdo sull'isola di Koster facilmente collegata alla terraferma svedese e alla città di Gotheborg per uno scambio lavoro-ospitalità. L'isola è di un verde diffuso, il mare è gelido ma cristallino e si incontra con il prato in delle spiagge a dir poco originali. Tutto sembra così contraddittoriamente incontaminato e curato allo stesso tempo. Qui, in inverno, quando la neve e il ghiaccio portano la temperatura a decine di gradi sotto lo zero, gli abitanti sono all'incirca 300. Durante la mite estate svedese i turisti occasionali sommati a chi ha sull'isola la residenza estiva sono più di 90 000.

KOSTER

Abitazioni e strutture sono tutte di legno con tonalità che vanno dal tipico rosso Falun, al verde fino alle più originali in giallo o blu pastello. Non ci sono macchine sull'isola e tutto sembra funzionare così bene a velocità di bicicletta.

KOSTER3

In dieci giorni ho imparato a conoscere e ad amare il giardino di Koster sperimentandolo "in tutti i sensi". Con la vista ho goduto delle larghe vedute panoramiche e ancor più dei pittoreschi e inosservati dettagli. Con l'olfatto ho gioito di profumi sinceri di natura e di fatica. Con l'udito mi sono abbandonata alla sinfonia del vento e degli abitanti del verde e al suono di qualche discreta chitarra. Con il gusto ho provato la soddisfazione di assaporare la sera quanto la mattina avevo colto e di prepararlo con dedizione per i clienti del ristorante o del piccolo negozio. Con il tatto infine ho sentito la terra "amica", generosa nel regalarmi i suoi frutti in cambio di poca cura, ribelle e forte nelle sue radici, ospitale nel suo farsi letto e riparo, tenace sulle mani...costantemente sporche ma fiere. La terra è con-tatto timido e sfrontato.

koster5

In giardino, in cucina, nella serra lavorare diventa un onore ed un piacere. La condivisione di piccoli piaceri, ormai inconsueti o dimenticati, suscita la voglia di restare, tornare e addirittura di ri-creare.

Veronica Falcone

maschera lavera 320

Salugea

Colesterolo alto: ridurlo in soli 3 mesi naturalmente

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
banner colloqui dobbiaco
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram