@Dreams of Cornwall/Facebook

L’incredibile scultura “vivente” dei Giardini perduti di Heligan che cambia aspetto in base alle stagioni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nella selvaggia penisola della Cornovaglia c’è un luogo in cui si respira un’atmosfera epica e misteriosa: i Giardini perduti di Heligan. In lingua cornica il termine heligan indica il salice piangente, una delle numerosissime piante che ospita il complesso di giardini. Ma ciò che affascina di più i visitatori sono le enormi sculture presenti nell’area, tra cui spicca la meravigliosa Ragazza di Fango (in inglese Mud Maid).

I Giardini perduti di Heligan: un tesoro riscoperto nel cuore della Cornovaglia

Questo posto, che sorge nel villaggio di Pentewan, era considerato nel XIX secolo uno dei più bei giardini dell’Inghilterra. La realizzazione degli splendidi giardini risale alla fine del Settecento e si deve alla famiglia nobile Teyman, ma con l’arrivo della Prima guerra mondiale, l’area verde (che all’epoca si estendeva su 400 ettari) fu abbandonata e cadde in rovina.

I Giardini perduti di Heligan sono stati riscoperti  e rivalorizzati soltanto negli anni Novanta grazie ad un grandioso lavoro che il Times ha definito “il progetto di restauro del secolo”.

Oggi questo luogo suggestivo si estende su un’area di circa 80 ettari ed è suddiviso in più zone: The productive garden, The Pleasure Grounds, The Italian Gardens e The jungle. Tutti i giardini originali realizzati dalla famiglia Teyman sono ritornati al loro antico splendore, mentre il bosco di rododendri e camelie è diventato Patrimonio Nazionale.

La Ragazza di Fango: una scultura “vivente”

Passeggiando per i Giardini perduti di Heligan ci si imbatte in alcune sculture giganti, ma quella che colpisce più di tutte è chiamata Mud Maid. Si tratta di un’opera realizzata nel 1998 da due artisti locali, i fratelli Pete e Sue Hill. La scultura che ritrae la ragazza di fango è considerata “vivente”.

Il suo aspetto, infatti, varia in base alle stagioni. La chioma e gli abiti cambiano nel corso dei mesi; in alcuni periodi è spoglia, mentre in altri si ricopre di erba, edera, muschio e neve. La ragazza di fango è stata creata a partire da una struttura cava in legno e una rete ricoperta di fango, mentre il viso è stato modellato con cemento e sabbia. Questo suggestiva scultura immersa nella natura è indubbiamente una tappa obbligata per chi visita i Giardini di Heligan.

Fonte: The Lost Gardens of Heligan/Facebook

Leggi anche:

 

 

 

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Coripet

Meno plastica con le bottiglie realizzate in PET riciclato, Bottle to Bottle di Coripet premia te e l’ambiente

Telepass

Telepass: quante emissioni fa risparmiare non fare la fila al casello?

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook