pragelatocime

Sci naturale a Pragelato per gli amanti della neve fresca e delle piste non battute. Per rilanciare il turismo e nuove forme di fruizione della montagna, infatti, la località in provincia di Torino - del circuto delle Alpine Pearls - lancia la prima stazione sciistica in mobilità dolce.

Ma cosa significa? Si tratta dell'iniziativa "Pragelato Natural Terrain" in cui verranno recuperati gli impianti chusi da tre anni a causa degli alti costi di gestioni per rilanciare una nuova forma di turismo invernale alpino. In pratica la seggiovia e lo skilift saranno aperti, ma le piste non verranno battute (mancano, infatti, gli inquinanti mezzi battipista), per la gioia degli amanti del freeride e della neve fresca.

In più, ci sono anche altre pratiche della montagna, dallo scialpinismo alle ciaspole, che raccolgono ogni anno nuovi adepti e che a Pragelato si potranno praticare su un terreno adatto sia ai principianti che ai più esperti. Senza dimenticare lo sci nordico, che qui a Pragelato vanta una nobile tradizione arricchita dalle Olimpiadi di Torino 2006, e un sentiero per un'attività inedita, lo sleddog, che consiste in una slitta trainata dai cani.

L'idea è di Carlalberto "Cala" Cimenti, un alpinista pragelatese che ha deciso di mettere la sua passione per la montagna a disposizione di chi ama le terre alte come lui, e lo scopo era uno soltanto: creare un vero e proprio distretto per vivere e far vivere la montagna in modo dolce e sostenibile.

stazionepragelato

"Ovviamente tutti i frequentatori si avventureranno a proprio rischio e pericolo – precisa Cimenti – ma saremo anche in grado di segnalare le aree sicure da quelle più pericolose. Infine, non bisogna dimenticare la pista da fondo che si inoltra nel parco della Val Troncea".

E con la crisi come la mettiamo? "Pragelato Natural Terrain rappresenta esattamente un modo per combattere la crisi. Sia per i fruitori che potranno acquistare lo skipass a 15€ nei giorni festivi e a 13€ nei giorni feriali. Sia per noi gestori e per l'ambiente grazie al risparmio sul gasolio consumato dai mezzi battipista", giura l'alpinista.

Insomma, un'intera stazione sciistica sarà dedicata a chi ama il rapporto con la natura e con l'ambiente incontaminato e a chi vorrà semplicemente divertirsi, senza inquinare l'aria della montagna!

Germana Carillo

Foto: alpin-pearls.com

LEGGI anche:

Perle Alpine: benvenute Malles e Les Diablerets

Perle Alpine: in montagna senza stress

Alpine Pearls: mobilità sostenibile sulle Alpi in 10 mosse

Alpi: lasciare a casa l'auto come opportunita' di rilancio turistico

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram