roma-roseto-comunale

Oltre mille varietà di rose provenienti da tutto il mondo. Il Roseto di Roma riapre gratuitamente con l’arrivo della primavera e ben si presta ad una passeggiata insolita tra la natura.

Ai piedi dell’Aventino tra aprile e maggio, i cancelli del Roseto tornano ad essere spalancati mostrando un trionfo di colori e profumi di rose che rendono ancora più magico, un posto di per sé bellissimo.

Affacciato sul Circo Massico e sul Palatino, il Roseto ha al suo interno esemplari che provengono dall’Estremo oriente, dal Sud Africa e perfino da Nuova Zelanda e America.
Passeggiando si ha così la sensazione di fare un viaggio in tutto il mondo. Ci sono poi specie primordiali o rose botaniche che risalgono a 40 milioni di anni fa.

LEGGI anche: ROSE: COME COLTIVARLE, POTARLE E RIPRODURLE PER TALEA (DA UNA PATATA)

Fra le più curiose, la Rosa Chinensis Virdiflora dai petali di color verde, la Rosa Chinensis Mutabilis, che cambia colore con il passare dei giorni e la Rosa Foetida, una rosa maleodorante.

Alcune pregiate e poco conosciute, alcune dimorate insieme alle rose antiche, ma tutte di straordinaria bellezza. Non a caso qui ogni anno, nel mese di maggio, si svolge il Concorso Internazionale Premio Roma.

LEGGI anche: IN NOME DELLA ROSA: I PIÙ BEI ROSETI VISITABILI IN TUTTA ITALIA

roseto di roma

La storia del Roseto risale probabilmente al III secolo a.C, come si legge sul sito del Comune di Roma: Tacito negli Annales, parla di un tempio dedicato alla dea Flora, i cui festeggiamenti, "floralia", si svolgevano in primavera nel Circo Massimo.

roseto di roma2

Ricoperto di orti e vigne fino a tutto il XVI sec., divenne, nel 1645, l'Orto degli Ebrei con annesso il piccolo cimitero della comunità. Dal 1934, anno del trasferimento del cimitero ebraico al Verano, l'area, destinata dal piano regolatore generale di Roma a Parco, rimane incolta fino al 1950, quando diviene sede del nuovo roseto comunale.

roseto di roma7
roseto di roma8

Quello antico, che si trovava sul colle Oppio e voluto dalla contessa Mary Gailey Senni, era andato distrutto nella seconda guerra mondiale.

LEGGI anche: POTARE LE ROSE: QUANDO E COME FARLO. TECNICHE E CONSIGLI

roseto di roma6
roseto di roma3

Come ringraziamento alla comunità ebraica, che aveva permesso di ricreare il roseto in un luogo sacro, è stata posta all'ingresso del giardino una stele in ricordo del vecchio Roseto e i vialetti che dividono le aiuole nell'area collezione, hanno la forma della menorah, il candelabro a sette bracci, simbolo dell'ebraismo.

Dominella Trunfio

Foto: Comune di Roma

forest bathing sm

Trentino

Forest Bathing e non solo, per guarire con la natura

banner orto native

La guida utile

La guida per fare un orto in piccoli spazi. Chiara, veloce e gratuita!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram