civita_di_bagnoregio

Civita di Bagnoregio è un suggestivo borgo della provincia viterbese che rischia però di scomparire per sempre a causa dell’erosione. Questo piccolo gioiellino è, infatti, incastonato in un colle tufaceo continuamente tormentato da pioggia e vento.

Vi avevamo già parlato di Civita di Bagnoregio e dell’appello fatto dal presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti all’Unesco, per farla rientrare tra i Patrimoni dell’Umanità. Non a caso è considerato uno dei borghi più belli d’Italia.

LEGGi anche: CIVITA DI BAGNOREGIO, IL MERAVIGLIOSO BORGO DI TUFO CHE RISCHIA DI SCOMPARIRE PER SEMPRE

Di motivi per visitarla ce ne sarebbero tantissimi, ne abbiamo scelti 10, eccoli:

1) Perché è anche detta la ‘città che muore’

Il suo destino era forse già stato scritto da Bonaventura Tecchi che l'aveva denominata la "Città che muore", una sorte che oggi sembra più realistica che mai, perché il colle tufaceo in cui sorge è minato alla base sia dalla continua erosione di due torrentelli che scorrono nelle valli sottostanti che, dalle piogge e dal vento.

civita di bagnoregio1

2) Per la sua storia medievale

Considerato uno dei borghi più belli d’Italia, il piccolo è stato fondato 2500 anni fa dagli Etruschi e sorge su una delle più antiche vie, quella che inizia dal Tevere e finisce nel lago di Bolsena.
 

3) Per ammirare i calanchi argillosi

Civita di Bagnoregio è tutto uno scenario fatto da case medievali abitate dalle poche famiglie rimaste e dal paesaggio quasi surreale dei calanchi argillosi, formatisi spontaneamente.
 
civita di bagnoregio2

4) Perché non ci sono automobili

Civita di Bagnoregio è raggiungibile solo a piedi, attraverso un suggestivo ponte che conduce tra le viuzze medievali. Un’oasi di pace senza smog.

5) Per respirare aria di altri tempi

Tutto il borgo ha, infatti, un’impronta medievale e un’atmosfera familiare ferma nel passato: fiori alle finestre, frantoi rinascimentali, strette viuzze.

civita di bagnoregio3

6) Per visitare la Chiesa di San Donato

Lo scenario è arricchito dalla Chiesa di San Donato, che si affaccia sulla piazza principale e custodisce al suo interno il Crocifisso ligneo quattrocentesco, ritenuto miracoloso, cui è legata la processione del Cristo morto.

7) Per assistere a una suggestiva processione

La sera del venerdì santo la scultura viene portata in processione a Bagnoregio ma la tradizione vuole che essa ritorni assolutamente entro mezzanotte a Civita, pena la sua acquisizione della stessa dai bagnoresi.

8) Per vedere la Porta di Santa Maria

La Porta di Santa Maria attribuita al Vignola composta da due bassorilievi che raffigurano un leone che tiene un uomo con gli artigli, metafora della cacciata dei Monaldeschi.

9) Per vedere il Palazzo vescovile e non solo

Il Palazzo vescovile, un antico mulino del XVI secolo e la casa natale di San Bonaventura. Un territorio che non può e non deve scomparire.

civita di bagnoregio5

10) Per conoscere da vicino la storia del suo abbandono

Dopo gli Etruschi furono i romani ad abitare il piccolo borgo che, già all’epoca, faceva i conti con terremoti e smottamenti. Ci furono poi i barbari, Carlo Magno e la Santa Sede. Un terribile terremoto nel 1695 fece franare mezzo paese e crollare l’unica via che lo collegava a quello che oggi è Civita di Bagnoregio.

Civita di Bagnoregio, come arrivare

Percorrendo la A1, da nord si può uscire al casello di Orvieto e da lì prendere la direzione per Bagnoregio (18 km); se si arriva da sud si può uscire al casello di Orte, poi direzione Viterbo (superstrada), prendere l‘uscita Bagnaia-Montefiascone e percorrere la strada provinciale Teverina che porta diretto a Bagnoregio.

Firma la petizione per salvare Civita di Bagnoregio clicca qui

Dominella Trunfio

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog