@Julian Gazzard/123rf

La foresta incantata di Micheldever, nell’Hampshire, che in primavera sembra un dipinto impressionista

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nella contea dell’Hampshire si trova una delle foreste più incantevoli di tutta l’Inghilterra, dove passeggiare tra faggi e vivaci campanule in compagnia di daini e cervi

A circa 8 km dalla città di Winchester, sorge una foresta incantata che in primavera sembra quasi un dipinto impressionista, grazie alla fioritura delle campanule dalle sfumature di lilla e azzurro che regalano uno colpo d’occhio che toglie il fiato. La foresta di Micheldever, gestita dalla Forestry Commission England, si estende per circa 250 ettari ed è celebre per i suoi imponenti faggi che si alternano alle conifere. 

foresta Micheldever hampshire

@Julian Gazzard/123rf

Passeggiando tra i boschi ci si imbatte in numerose specie di fiori, farfalle e uccelli. Non è raro incontrare anche daini e cervi Muntjac (specie originaria dell’Asia ma diffusa in Inghilterra e in parte del Galles), che hanno trovato proprio qui un habitat ideale.

cervo muntjac

feathercollector/123rf

A rendere ancora più magica l’atmosfera di questo posto è la luce del sole che filtra tra le fronde degli alti faggi.

foresta Micheldelver

@Richard Thomas/123rf

Ma la foresta di Micheldelver è nota non soltanto per le sue bellezze naturali, ma anche perché custodisce antichi reperti archeologici risalenti all’Età del Bronzo, tra cui un tumulo funerario. 

Leggi anche: Boschi incantati: i luoghi più belli d’Italia per andare alla scoperta di fate, gnomi e folletti

Quando visitare la foresta di Micheldelver 

Se vi trovate nella contea dell’Hampshire, vale assolutamente la pena vivere l’atmosfera suggestiva dei boschi di Micheldelver. Come anticipato, la foresta dista circa 8 km da Winchester ed è facilmente raggiungibile con l’auto o con un taxi. All’interno dell’area vi sono due sentieri principali da percorrere, di cui uno archeologico, e un’area pic-nic con tavoli e panche in legno.

La foresta è visitabile gratuitamente 365 giorni l’anno, ma il periodo più indicato è indubbiamente quello tra aprile e maggio, quando il prato si ricopre di un meraviglioso tappeto di campanule e si può respirare a pieni polmoni il profumo inebriante della primavera. 

 

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Telepass

Telepass: quante emissioni fa risparmiare non fare la fila al casello?

Coripet

Meno plastica con le bottiglie realizzate in PET riciclato, Bottle to Bottle di Coripet premia te e l’ambiente

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook