Il castello dei graffiti: come la street art ha salvato il maniero più antico della Scozia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In principio dovevano essere dei graffiti temporanei, una sorta di tappabuchi per una facciata in cemento che, in attesa di lunghi lavori di ristrutturazione, prendeva colore allontanando l’aspetto fatiscente dal Kelburn Castle, a ovest di Glasgow in Scozia.

In realtà poi questa opera d’arte ha riscosso così successo che Patrick Boyle, conte di Glasgow ha deciso di farla diventare permanente e oggi, il castello scozzese più antico vanta anche il primato di essere il più stravagante.
Costruito nel XIII secolo il Kelburn Castle è, infatti, dipinto con colori vivaci e soggetti di grandi dimensioni che ricoprono l’intero edificio. Il progetto dei graffiti è iniziato nel 2007 quando al conte era stato detto di far rimuovere il cemento dalla facciata poiché, la pietra sotto si stava rovinando del tutto.

kelburn castle 36Photo credit

kelburn castle 72Photo credit

Boyle si fece convincere dai suoi figli a trasformare il suo castello in una tavolozza per quattro artisti di strada brasiliani, Nina Pandolfo, Nunca e i gemelli Os Gêmeos che hanno utilizzato oltre 1500 bombolette di vernice spray per completare i graffiti.

I murales hanno uno stile surreale e fantasioso in cui si alternano i personaggi dei cartoni animati. Il loro lavoro in poco tempo, è stato definito come uno dei migliori esempi di arte di strada in tutto il mondo, al pari di opere di Banksy e Keith Haring.

kelburn castle 46Photo credit

kelburn castle 52Photo credit

kelburn castle 62Photo credit

kelburn castle 95Photo credit

kelburn castle 105Photo credit

I graffiti che dovevano essere rimossi dopo tre anni hanno attratto così tanti visitatori, da spingere lo stesso conte a chiedere all’Historic Scotland, l’agenzia governativa che si occupa della conservazione degli edifici storici, di renderlo permanente.

Tuttavia nel 2012 durante un sopralluogo l’agenzia ha esortato la rimozione del cemento e quindi dei graffiti. Da anni ormai va avanti una battaglia per capire che fine faranno i murales, i proprietari del Kelburn Castle assicurano che, nel caso in cui dovesse avvenire la rimozione definitiva, si affideranno a team di architetti e progettisti per trovare un design altrettanto unico che non danneggi i muri del castello.

L’interno è visitabile e i tour sono disponibili nel mese di giugno, luglio e agosto, all’esterno ci sono poi parchi aperti tutto l’anno. Insomma dimenticatevi del grigio castello, in Scozia si pensa a colori!

Info

Dominella Trunfio

Photo credit

Fonte

LEGGI anche:

Gli splendidi graffiti di Javier De Riba nei palazzi abbandonati (FOTO e VIDEO)

Street art: a Milano la mappa dei muri liberi per i graffiti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook