Bishop Rock: l’isola più piccola del mondo

bishop-rock 1

Bishop Rock è una piccola sporgenza rocciosa che si trova a 4 miglia a ovest di Isole di Scilly, in Cornovaglia, Regno Unito. La roccia si erge da una profondità di 45 metri, con una punta a pelo d’acqua lunga 46 metri e larga 16 metri. Su questa stretta piattaforma si erge un faro, che rende Bishop Rock la più piccola isola al mondo con una costruzione, come riconosciuto dal Guinness dei primati.

Le rocce intorno alle isole Scilly hanno causato nel corso degli anni il naufragio di molte navi. Quando Sir Cloudesley Shovel della flotta britannica vi naufragò nel 1707 insieme a 2.000 uomini, venne finalmente realizzato un sistema di illuminazione, che a quel tempo consisteva in un vecchio faro che risultò insufficiente. Si decise, allora, di costruire un faro nella parte più occidentale delle isole: la Bishop Rock, appunto.

James Walker, ingegnere in capo della Trinity House, era contrario alla realizzazione dell’opera su una roccia di granito così piccola. Era convinto che la torre non avrebbe mai resistito alla tremenda forza dei mari e dei venti, che a Bishop Rock soffiano impetuosi. Quindi, nel 1847, si decise di erigere un faro con palo a vite.

bishop-rock 2

Photo credit

bishop-rock-02

Photo credit

Il primo compito fu quello di fissare le gambe in ghisa nel granito solido, rinforzato e fissato con ferro battuto. Nel giro di due anni la struttura era completa e tutto ciò che serviva era un sistema di illuminazione. Ma prima che potesse essere completata la stagione successiva, una forte tempesta la spazzò via, la sera del 5 febbraio 1850.

James Walker, allora, si proiettò verso l’idea di una torre di granito. Fu un compito pericoloso, perché il mare era agitato e l’isola troppa piccola. Gli operai furono ospitati su un piccolo isolotto disabitato vicino e venivano trasportati da e verso il sito solo se il tempo lo permetteva. Tutto il granito fu trasportato dalla terraferma al deposito dell’isola, dove fu plasmato e numerato prima di essere inviato alla roccia. Dopo sette anni di lavori la torre fu finalmente completata nel 1858.

bishop-rock 5

Photo credit

All’epoca il faro di 49 metri doveva fare affidamento su lampade a paraffina e, prima ancora, solo sulle candele. Oggi ci sono generatori e batterie e un eliporto, costruito nel 1976. Bishop Rock oggi funziona in maniera automatica dal 1991 e gli ultimi custodi hanno lasciato il faro nel dicembre 1992.

Per maggiori informazioni clicca qui

Roberta Ragni

Photo credit e Fonte

LEGGI anche:

Fairy Pools: le magiche piscine delle fate dell’isola di Skye (Scozia)
A.A.A.: cercasi custode per isola scozzese disabitata
Big Major Cay/Bahamas: l’isola dei maiali liberi

Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Salugea

Come fare incetta di vitamina D in inverno per evitare una carenza

Florena Fermented Skincare

Cosmetici naturali fermentati: cosa sono e perché sono così efficaci per la cura del viso

Caffè Vergnano

Regali di Natale: un’idea personalizzata e green per la persona che ami

Coop

Le bottigliette d’acqua riciclate del Jova Beach Party diventano t-shirt sportive

Seguici su Instagram
seguici su Facebook