Akarmara: la città mineraria che la natura si è ripresa in solo 20 anni

akarmara-cover

Gli alberi e la vegetazione hanno invaso case e vie: benvenuti ad Akarmara un territorio caucasico rivendicato dalla Georgia, ma di fatto indipendente che negli ultimi anni è diventata una foresta.

Akarmara, si trova in Abkhazia nell’Europa orientale, un tempo era una città mineraria, ma negli anni Settanta tra guerra e cambiamento economico, la città è stata vittima dello spopolamento.

È così, che la natura è tornata ad essere padrona di ciò che gli apparteneva invadendo la cittadina che oggi ha solo 35 abitanti. Ma in un reportage de El Pais, gli abitanti non sembrano curarsene.

“Se questa è una città fantasma, allora siamo zombi”, dice Igor Kishmaria, un residente.

Qui la vita scorre lenta e il tempo sembra essersi fermato: le mucche pascolano sulla ferrovia dismessa, davanti alla fabbrica abbandonata. Nelle strade muschio e ortensie si alternano vivacemente. Le finestre, i tetti, sono un tripudio di natura. Ci sono alcuni bambini e tanti turisti attirati dalla città fantasma.

akarmara
akarmara1
Negli ultimi anni, l’Abkhazia è diventata l’obiettivo di fotografi e artisti internazionali alla ricerca degli scenari di “civiltà scomparse”.

Nel 1942, quando il bacino Donbass in Ucraina fu occupato dalla Germania nazista, l’URSS aveva cominciato a sfruttare carbone dalla fabbrica locale e Tkarchal era stata dichiarata “città”.
Col tempo Abkhazo, che allora all’epoca era asservito alla repubblica sovietica della Georgia, è stato riconosciuto come stato indipendente dalla Russia.

akarmara2
akarmara3
akarmara4

I prigionieri di guerra tedeschi aiutarono a costruire la città, che negli anni ’70 aveva 25.000 abitanti e un alto tenore di vita, ma negli anni ottanta, gli scambi economici tra i territori dell’URSS sono crollati e la città è diventata spopolata.

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Giornalista professionista, laureata con lode in Scienze Politiche e con un master in Comunicazione Pubblica e Politica. Vincitrice di due premi giornalistici per la realizzazione di due documentari. A settembre 2017 pubblica "Appunti di antimafia. Breve storia delle azioni della ‘ndrangheta e di quelli che l’hanno contrastata".
Coop

Le bottigliette d’acqua riciclate del Jova Beach Party diventano t-shirt sportive

Florena Fermented Skincare

Cosmetici naturali fermentati: cosa sono e perché sono così efficaci per la cura del viso

Salugea

Come fare incetta di vitamina D in inverno per evitare una carenza

Caffè Vergnano

Regali di Natale: un’idea personalizzata e green per la persona che ami

Seguici su Instagram
seguici su Facebook