null_stern_02.jpg

E chi ha detto per fare una stanza di hotel siano davvero necessari un soffitto e delle pareti? Sulle Alpi svizzere, ad esempio, è possibile pernottare in una camera costituita semplicemente da un letto matrimoniale, da due comodini e da due lampade. Una sistemazione all’aria aperta, insomma, per dormire sotto le stelle e godere di un panorama mozzafiato.

Siamo a Safiental, nei Grigioni, a una sessantina di chilometri dal confine con l’Italia. Qui, dalla collaborazione tra due artisti concettuali, i gemelli Riklin, e un professionista del settore turistico e dell’ospitalità, Daniel Charbonnier, è nato Null Stern – the only star is you, un hotel “a zero stelle”, come suggerisce lo stesso nome, costituito da un letto matrimoniale posizionato a quasi 2000 metri di altitudine, tra le cime maestose e imponenti delle montagne.

LEGGI anche: Parco dei Paduli: dormire sotto le stelle in Salento, in un nido nel bosco (FOTO)

A dirla tutta, si tratta del secondo progetto Null Stern scaturito dalla creatività e dalla collaborazione dei gemelli Riklin e di Charbonnier: il primo è stato una stanza di albergo ecosostenibile realizzata all’interno di un ex bunker nucleare, nella città svizzera di Teufen, operativa per meno di 2 anni, tra il 2008 e il 2010. Dall’atmosfera chiusa di un bunker si passa oggi agli spazi aperti e alla frescura di alta montagna, per un’idea certamente originale, che sta riscuotendo un discreto successo, oltre che qualche (inevitabile) perplessità.

null stern 03
 
null stern 00
 
null stern 01
 
null stern 04

"Anche se questa versione è radicalmente diversa rispetto  a quella precedente, del bunker nucleare, l'essenza e lo spirito del concetto restano gli stessi." - ha dichiarato Charbonnier - "Mettere l'ospite al centro dell'esperienza e focalizzarsi sull'intangibile, riducendo al minimo tutto il resto."

La “camera” è prenotabile da chiunque voglia provare l’ebrezza di una notte diversa, nel cuore delle Alpi, godendo di un panorama davvero unico e di un punto di vista a dir poco inusuale. La società alberghiera che la gestisce fornisce un maggiordomo che, al mattino, serve la colazione a letto agli ospiti, mentre un bagno pubblico si trova a circa dieci minuti di cammino.

Trascorrere una notte in questa sistemazione costa 250 franchi svizzeri (circa 230 euro): non poco, bisogna ammetterlo, per un letto che, per quanto comodo, è pur sempre collocato all’aria aperta... La "camera" è fruibile in estate e in autunno, tenendo presente che la prenotazione può essere annullata anche all’ultimo momento, nel caso di maltempo.

E le persone desiderose di vivere un’esperienza alternativa devono essere molte, visto che Null Stern è sold-out per tutta l’estate, mentre è già possibile mettersi in lista di attesa per la bella stagione del 2017.

Voi che ne dite, la provereste?

Lisa Vagnozzi

Photo credits

 

monge

Monge

10 cose da sapere prima di accogliere un cucciolo in casa

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram