agriturismi aiab legambiente

Diffondere sempre di più l'ecoturismo con viaggi a impatto zero grazie alle strutture ricettive amiche dell'ambiente. AIAB e Legambiente hanno sottoscritto un protocollo di collaborazione per iniziare un percorso comune con i marchi Agriturismi Bio-Ecologici AIAB, garanzia AIAB Italia e Legambiente Turismo volto a divulgare a livello nazionale e internazionale un turismo ecocompatibile a 360° gradi.

Il turismo responsabile avrà una chance in più, e chi ama viaggiare potrà scegliere tra un numero sempre più ampio di alberghi, B&B e agriturismi garantiti dalle due associazioni attraverso i marchi di qualità assegnati solo alle strutture che rispettano i criteri di eco-sostenibilità nell’attenzione al paesaggio e alla biodiversità, nel servizio di ristorazione, rigorosamente bio, nell’uso delle fonti pulite, nei criteri di risparmio energetico e idrico, nella riduzione e smaltimento dei rifiuti.

AIAB e Legambiente danno, dunque, la possibilità agli operatori turistici di aderire alla partnership di entrambe le associazioni ed effettueranno, congiuntamente, i controlli per garantire il rispetto dei disciplinari.

Ecco le prime 10 strutture che hanno già aderito al protocollo congiunto:

BioAgriturismo Il Gumo – Varese Ligure (SP) – www.ilgumo.it

BioAgriturismo Fiorano – Cossignano (AP) – www.agrifiorano.it

BioAgriturismo Preggio – Preggio (PG) – www.preggio.it

BioAgriturismo Le Mole sul Farfa – Mompeo (RI) - www.fiumefarfa.eu

BioAgriturismo Fattoria Sant’Anna – Laureana di Borrello (RC) – www.fattoriasantanna.it

Relais del Colle - Ripatransone (AP) - www.reliasdelcolle.it

Airone Country House - Osimo (AN)- www.aironecountryhouse.it

Agriturismo Il Duchesco - Alberese (GR) - www.ilduchesco.it

Agriturismo Cascina Clarabella - Iseo (BS) - www.clarabella.it

Azienda Agricola Terra di Vento - Montecorvino Pugliano (SA) - www.terradivento.it

"Questo protocollo – spiega Angelo Gentili, responsabile nazionale di Legambiente Turismo - pone al centro una nuova idea di turismo rafforzando il rapporto tra sostenibilità ecologica e le richieste di coloro che amano la vacanza natura, legata all’aria aperta, alla bicicletta, all'escursionismo, alla scoperta paesaggistica-culturale del territorio".

Spiega Gentili che in questo modo viene promossa anche l’agricoltura biologica, insieme alla filiera corta e all’uso delle fonti pulite. A vantaggio del turimo italiano, che potrebbe in questo modo rilanciare l’economia e il futuro dell’Italia: "Questo è senza dubbio un modo non solo per attrarre più viaggiatori italiani e stranieri nel nostro Paese, ma soprattutto per promuovere la green economy, diffondere una maggiore tutela e conoscenza del territorio e dare un forte contributo alla qualificazione della nostra offerta turistica in chiave sostenibile".

"Difendere la biodiversità dell'ambiente rurale, promuovere la multifunzionalità dell'azienda agricola e garantire cibi con ingredienti totalmente biologici è la miglior sintesi tra ambiente naturale e società – ha aggiunto Alessandro Triantafyllidis, presidente AIAB - . Al turista attento e consapevole vogliamo garantire strutture che hanno scelto di operare, per se stesse e per i propri ospiti, nel rispetto dell’ambiente, convertendo le proprie produzioni al metodo dell’agricoltura biologica e, quindi, eliminando qualsiasi impiego di prodotti chimici di sintesi nella difesa delle colture o nelle fertilizzazioni".

Francesca Mancuso

Leggi anche:

- Agriturismi: in Italia: il 99,3% è ecosostenibile

- Ecoturismo: i benefici per i bambini

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram