@violin/123rf

Non solo mercatini, 5 cose da fare a Vienna con i bambini per il Natale 2021

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

State valutando di visitare l’incantevole Vienna durante le vacanze di Natale? Ecco le attrazioni da non perdere, oltre ai celebri mercatini natalizi 

Mancano ormai meno di due mesi alle festività natalizie e diverse famiglie hanno già prenotato un viaggio verso una delle tante destinazioni europee rese magiche dall’atmosfera del Natale. Tra le mete più gettonate rientra sicuramente Vienna, che già a partire da novembre inizia a riempirsi di luci, alberelli, decorazioni e musiche a tema. Quello compreso tra novembre e gennaio è il periodo ideale per ammirare le bellezze della capitale austriaca. I mercatini natalizi di Vienna sono annoverati tra più belli d’Europa, ma non sono l’unica attrazione da non perdere.

Questa splendida città è ricchissima di musei e altre attrazioni turistiche che conquistano sia gli adulti che i più piccoli. Scopriamo alcune chicche da non perdere a Vienna, oltre ai celebri mercatini natalizi.

Leggi anche: I Villaggi di Babbo Natale più belli di Italia, Regione per Regione

I mercatini natalizi da non perdere a Vienna

Il mercatino natalizio più celebre di Vienna è indubbiamente il Wiener Christkindlmark che ogni anno viene allestito di fronte al Municipio e che trasforma la piazza in una fiaba. Sono oltre 150 le bancarelle presenti che offrono ai visitatori dolciumi, bevande calde, oggetti d’artigianato e addobbi natalizi di ogni sorta. Questo antico mercatino – le cui origini risalgono a circa 7 secoli fa – attira annualmente oltre 3 milioni di visitatori. 

  • Date di apertura per il 2021: dal 12 novembre al 26 dicembre (dal venerdì al sabato ore 11-22; dalla domenica al giovedì ore 11-21.30)

Un altro bellissimo mercatino viennese è il Wintermarkt am Riesenradplatz, che si svolge di fronte alla ruota panoramica del parco divertimenti Prater, divenuta una delle icone di Vienna. È un mercatino decisamente più “vivace” degli altri. Ogni anno il programma è ricco di proposte. Oltre a girare per le varie bancarelle, è possibile assistere a concerti di musica gospel e pop, fare un giro sul trenino invernale o sulla ruota panoramica da cui ammirare la città o gustare prelibatezze austriache e bevande calde.

  • Date di apertura per il 2021: dal 20 novembre al 9 gennaio 2022 (dal lunedì al venerdì ore 12-22; 
    sabato, domenica e festivi ore 11-22)

ZOOM Kindermuseum, il regno dei bambini 

Tra i posti più belli da visitare con i più piccoli non possiamo dimenticare lo ZOOM Kindermuseum, un universo vero e proprio dedicato ai bambini. In questo luogo si impara ad esplorare il mondo con tutti i sensi. A differenza dei musei che si rivolgono agli adulti, ZOOM invita i più piccoli a stimolare il senso del tatto per scoprire le loro emozioni, capacità e dare sfogo alla creatività. 

Il museo è composto da quattro diverse aree tematiche: la mostra pratica ZOOM, che si rivolge ai bambini dai 6 ai 12 per portarli alla scoperta delle scienze, della cultura e dell’arte (sempre attraverso il gioco); lo ZOOM Studio (per i bimbi dai 3 ai 12 anni) che propone una serie di laboratori artistici in cui si può disegnare, incollare e modellare; lo ZOOM Animated Film Studio , il laboratorio multimediale che si rivolge ai ragazzini dagli 8 ai 14 anni, mettendoli alla prova come sceneggiatori, registi e direttori della fotografia, fotografi e tecnici del suono; infine, lo ZOOM Ocean, un coloratissimo parco avventura (per bambini da 0 a 6 anni) che porta a toccare con mano le bellezze del mondo sottomarino, stimolando  le capacità motorie, cognitive e sociali. 

Visita al museo di Sissi

Una tappa imperdibile per chi visita Vienna è il meraviglioso museo dedicato all’imperatrice austriaca Elisabetta, meglio nota come Sissi. Il museo è situato all’interno degli appartamenti imperiali del palazzo Hofburg. In questo luogo viene rivisitata la vita irrequieta della leggendaria imperatrice, fin dalla sua gioventù spensierata in Baviera fino. Il tour del museo inizia con la morte di Sissi e racconta come è nato il mito dell’imperatrice Sissi, nato anche grazie ai fortunati film diretti da Ernst Marischka.

Il museo custodisce numerosi cimeli legati alla vita di Elisabetta di Baviera: dagli splendi gioielli, agli abiti all’arpa a cui era affezionata da bambina fino al cappotto nero con il quale fu coperta dopo l’attentato al lago di Ginevra e portata all’Hotel Beau Rivage.

La Casa delle Farfalle

Per gli amanti della natura, in particolare degli insetti, non può mancare una visita alla Serra delle Palme, che si trova all’interno del Burggarten di Vienna. Si tratta di una delle serre in stile Liberty più affascinanti del mondo. All’interno della Schmetterlinghaus è stato riprodotto l’ambiente di una foresta vergine in miniatura in condizioni pressoché naturali con 26°C di temperatura. Dal 1998 questo luogo ospita centinaia di farfalle esotiche che volano in libertà. A rendere ancora più suggestivo questo luogo la presenza di piccoli stagni, ponticelli e una cascata d’acqua.  

Nella serra troverete diversi cartelloni che riportano le informazioni sulla vita delle farfalle. Inoltre, nella “cassetta delle crisalidi” si possono osservare questi meravigliosi insetti mentre sgusciano. Potrete ammirare anche l’enorme farfalla cobra (Attacus atlas) la falena più grande del mondo, la cui apertura alare può raggiungere i 30 cm.

Dinosauri e meteoriti al Museo di Storia Naturale 

Se vi trovata a Vienna, concedetevi una visita al Museo di Storia Naturale, che ci permette di toccare con mano l’evoluzione del nostro Pianeta e dei suoi abitanti. Sono oltre 20 milioni i reperti conservati in questo luogo ricco di fascino: insetti, pietre preziose, minerali e animali preistorici. 

La sala dei dinosauri è una delle più apprezzate dai più piccoli. Qui sono conservati gli resti di numerosi animali preistorici, tra cui  la vacca marina di Steller, un animale estinto più di 200 anni fa.

Particolarmente interessante è anche la sala dei Meteoriti, che custodisce la collezione di meteoriti più grande e più antica del mondo. 

All’interno del museo è possibile ammirare anche l’iconica Venere di Willendorf, la cui storia risale a oltre 20mila anni fa.

Seguici su Telegram Instagram Facebook TikTok Youtube

 

Ti potrebbero interessare anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook