La cabaña di bottiglie: come autocostruire un B&B con materiali di recupero (FOTO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una bellissima e affascinate cabaña fatta con bottiglie di vetro, legno, pietre di fiume e un tetto di foglie di palma. Se la sono autocostruita due ragazzi per il loro B&B la Pepita de Marañon, a Las Lajas, Panama. Sono italiani, originari di Genova, e si chiamano Erika e Fabio.

“Ci siamo trasferiti da Genova a Panama nel 2010 e abbiamo costruito e aperto un piccolo B&B. Abbiamo cominciato con l’affittare una camera soltanto, ma presto abbiamo avuto, per ovvie ragioni, la necessità di dover averne almeno un’altra a disposizione”, raccontano i giovani proprietari a greenMe.it.

Da qui, l’idea di costruire qualcosa di carino cercando, però, anche di spendere il meno possibile e strizzare l’occhio all’ambiente. È nato così, da una ricerca sul web tra progetti di autocostruzione alternativi, un bungalow indipendente per 2 persone, con bagno privato e incantevole vista sulle montagne circostanti della Comarca indios, delizioso esempio di come riciclare le bottiglie e altri materiali di recupero.

“Inizialmente avevamo pensato all’utilizzo delle bottiglie di plastica (PET), ma quasi subito abbiamo scelto di limitarne la quantità e puntare di più su quelle di vetro, vista anche la maggior facilità/velocità della lavorazione e la miglior resa estetica finale. Successivamente, poiché la quantità di bottiglie necessaria era piuttosto ingente, abbiamo pensato anche all’utilizzo della pietra di fiume, più difficile per quel che riguarda la muratura, ma ancor più facile da raccogliere delle bottiglie”, ci spiegano ancora Erika e Fabio.

Al progetto hanno lavorato soltanto loro due, a parte per qualche intervento esterno che necessitava di una maggior esperienza professionale nel campo. I lavori sono durati circa 7 mesi e per completare la costruzione sono state utilizzate anche una finestra in buono stato e alcune porte recuperate, con le quali hanno realizzato la parete divisoria fra la camera e il bagno e uno dei due scuri della finestra.

La loro attenzione all’ambiente e al mondo del riciclo e del riutilizzo, però, ha avuto anche una valenza sociale. “Siamo molto felici di aver realizzato questo tipo di progetto – continuano- e aver fatto questa esperienza che ci ha portato più volte a raccogliere bottiglie per le strade e nell’immondizia, dove di certo non sarebbero andate incontro ad un destino troppo nobile, non esistendo a Las Lajas un centro di riciclaggio. Speriamo soprattutto che sia servito d’esempio alla comunità locale e che possano in futuro nascere nuove realizzazioni sull’onda di questa“.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

La “casa incantata” costruita da un’anziana terremotata con le bottiglie di plastica (FOTO e VIDEO)
13 idee dal mondo per riciclare creativamente le bottiglie di vetro di vino o birra

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook