Campi di volontariato sui terreni confiscati: Riparte E!State di Libera

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Volontariato e campi di formazione nelle terre confiscate alla mafia. I terreni confiscati alla malavita sono un nostro diritto. Il nostro patrimonio, il recupero delle nostre speranze. I terreni confiscati a camorra e nefandezze varie sono vere opportunità di crescita per i giovani italiani. Anche dal punto di vista imprenditoriale. E da quello dell’impegno sociale e della corresponsabilità.

Con un simile nobile spirito, l’Associazione Libera contro le mafie organizza anche quest’anno E!State Liberi, dei campi di volontariato e formazione proprio sui beni confiscati. Dalla Sicilia alla Campania, dalla Puglia alla Calabria, attraverso le Marche e puntando al Nord Italia, a partire da Pasqua i giovani potranno essere i “protagonisti” di una esperienza all’insegna della corresponsabilità e dell’impegno contro le mafie e la corruzione.

Sono aperte quindi le iscrizioni per un’estate all’insegna della legalità: fino a ottobre ragazzi, studenti, giovani e anziani, gruppi da tutta Italia e dall’Europa potranno partecipare ad un’esperienza di impegno civile con i campi di volontariato sui terreni e beni che una volta appartenevano ai boss delle principali organizzazioni criminali.

Da Isola Capo Rizzuto sulle proprietà confiscate al clan Arena , alle terre un tempo appartenenti a Brusca e Riina nel corleonese, passando per la Puglia sulle tenute che erano della famiglia Screti, ai beni dei casalesi nel casertano, i volontari saranno impegnati in attività agricole, nella vendemmia, nei lavori di manutenzione del bene confiscato.

L’obiettivo principale dei campi di volontariato e di formazione sui beni confiscati è quello di diffondere una cultura fondata sulla legalità democratica e giustizia sociale che possa efficacemente contrapporsi alla cultura della violenza, del privilegio e del ricatto.

L’attività dei campi di lavoro si svolge su vari momenti: il lavoro agricolo o attività di risistemazione del bene, lo studio e l’incontro con il territorio per uno scambio interculturale. Volontari incontreranno e si confronteranno con i familiari delle vittime di mafia, giornalisti, rappresentanti delle istituzioni e con gli operatori delle cooperative sociali.

Delle vere e proprie “palestre di cittadinanza“, insomma, dove si impara attraverso il lavoro quotidiano che democrazia e giustizia sociale si fondano sulla cooperazione e sull’impegno di ciascuno.

Germana Carillo

LEGGI anche:

Terre confiscate alla mafia a disposizione degli under 35

Nuovi orti urbani sui terreni confiscati alla criminalita’

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook