Phi Phi Islands: chiude davvero ai turisti la spiaggia di “The beach”?

Maya Bay

Spiagge bianche e deserte, acqua limpida e tutt’attorno montagne. Chi è che non vorrebbe fare un pensierino e trascorrere qualche giorno nel paradiso delle Phi Phi Islands, in Thailandia? Peccato che “chiudano”. In particolare, a chiudere i battenti sarà l’isola Koh Phi Phi dove c’è Maya Bay, la spiaggia divenuta famosa per aver ospitato il set dei “The beach” con un giovane Leonardo DiCaprio. Ma è davvero così?

Certo che no! Alcune testate internazionali si sarebbero inventate una chiusura da giugno a settembre proprio di Koh Phi Phi, durante la bassa stagione dell’isola, per dare tempo alla sua barriera corallina di riprendersi.

Mentre misure analoghe sono state introdotte su altre isole thailandesi – nel 2016 le autorità locali hanno chiuso Koh Tachai – è la prima volta che ai turisti sarà vietato visitare Maya Bay”, si legge su The Guardian.

Falso.

Vero è che, se Maya Bay arriva fino a 5mila visitatori al giorno, con la maggior parte dei turisti che viaggiano in barca da Phuket o Koh Phi Phi, tutta questa mole di turisti si traduce immancabilmente in una distruzione quasi totale delle barriere coralline della Thailandia. Le cause principali vanno ricercate negli scarichi degli hotel nel mare, negli ancoraggi per imbarcazioni e nei rifiuti di plastica gettati in mare.

È per questo motivo che l’autorità del turismo della Thailandia pianifica la chiusura temporanea di alcune isole ogni anno, proprio per permettere un recupero naturale di flora e fauna.

“Le isole Phi Phi e Maya Bay restano aperte mentre il Dipartimento nazionale per la protezione della flora e della fauna selvatica (DNP) della Tailandia inizia il ciclo annuale di chiusura temporanea dei parchi nazionali il mese prossimo, che consente un ringiovanimento naturale durante quasi la metà dell’anno a seconda del programma”, ecco l’annuncio ufficiale.

E molto probabilmente, come si legge su Phuket news, per un periodo che andrà da giugno a settembre sarà proibito a tutte le imbarcazioni di approdare alla spiaggia attraverso la baia omonima: “Tuttavia in questi mesi i turisti potranno accedere a Maya Bay, arrivando dalla baia adiacente Loh Samah Bay dove le barche potranno attraccare, percorrendo poi a piedi 250 metri”.

phi phi islands

Se vi interessa, quando e con quali modalità si potranno visitare questi luoghi, bisognerà attendere un comunicato ufficiale del TAT, l’autorità del Turismo thailandese ancora non si è espresso definitivamente. Intanto date un’occhiata a una guida sulle isole Phi Phi per scoprire più curiosità su questo paradiso terrestre: vale la pena programmare una vacanza qui e in molte altre isole della Thailandia.”

Leggi anche:

Germana Carillo

Giornalista pubblicista, classe 1977, laureata con lode in Scienze Politiche, Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci anni.
Caffé Vergnano

Women in coffee, il progetto che sostiene il ruolo delle donne che lavorano nelle piantagioni di caffè

Coop

Fuori la plastica dai sacchetti del pane!

tuvali
seguici su Facebook