Okunoshima, l’isola dei conigli dal passato oscuro (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Okunoshima, l’isola dei conigli. Ad appena un paio di miglia al largo della costa di Takehara, tra Hiroshima e Shikoku, in Giappone, si trova una piccola isola con una storia oscura, conosciuta oggi per i suoi parchi selvaggi e, soprattutto, per una vasta popolazione di dolci e soffici conigli desiderosi di attenzioni. Sono proprio loro, infatti, ad attirare migliaia di turisti l’anno.

Prima di diventare il paradiso dei conigli, però, Okunoshima è stata la sede top-secret di alcuni impianti chimici realizzati allo scopo di produrre e sperimentare armi chimiche, come il temibile gas mostarda (chiamato così per il suo odore simile a quello della senape). Il territorio, scelto per il suo isolamento, ha contribuito a mantenere nella più completa segretezza il programma militare per tutti i suoi 16 anni di attività.

In questo periodo di tempo Okunoshima fu persino cancellata dalle mappe e divenne una fortezza costantemente sorvegliata, mentre ogni notizia di avvelenamento della popolazione locale fu insabbiata e nascosta. Secondo alcune fonti, i conigli sono stati portati a Okunoshima proprio per testare gli effetti del veleno. Sarebbero stati rilasciati dai lavoratori con la fine della seconda guerra mondiale e la disfatta del Giappone.

Altre fonti affermano, però, che fu un gruppo di scolari in gita a liberare otto esemplari in natura nel 1971. Indipendentemente da ciò, i conigli originali di Okunoshima e le loro successive generazioni di discendenti hanno prosperato con felicità e successo in questo ambiente privo di predatori. Oggi i 700 metri quadrati dell’isola ospitano più di 300 conigli che vagano liberamente.

Anche se selvatici, i conigli sono abituati al contatto con gli uomini e si avvicinano tranquillamente ai visitatori in cerca di uno spuntino. Si possono accarezzare e nutrire, ma, nel tentativo di preservare la popolazione, cani e gatti non sono ammessi sull’isola.

Roberta Ragni

Photo Credit

LEGGI anche:

Tashirojima, l’isola dei gatti

Big Major Cay/Bahamas: l’isola dei maiali liberi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook