Miyajima, l’isola dei cervi che ormai muoiono di fame (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Quando si arriva nella bellissima isola sacra giapponese di Miyajima, a poco meno di un’ora di aliscafo da Hiroshima, i primi a dare il benvenuto sono i cervi, che qui sono liberi di circolare. Sono considerati messaggeri degli Dei e ormai sono talmente addomesticati da chiedere con simpatica insistenza cibo ai turisti. Ma ad oggi sono in grave pericolo: i cervi di Miyajima stanno morendo di fame.

Sopravvissuti negli ultimi decenni anche, e soprattutto, grazie a cracker e altri alimenti forniti dalla gente del posto e dai visitatori, oggi non possono più essere nutriti: nel tentativo di ridurre la loro popolazione, il governo ha deciso di vietare l’alimentazione da parte dell’uomo.

I funzionari della città di Hatsukaichi hanno approvato una legge nel 2008, con lo scopo di riportare gli animali nel loro stato naturale, facendoli tornare selvatici e riducendoli di numero. Ma il problema è che ormai i cervi non sono più in grado di badare a se stessi in un ambiente forestale. A peggiorare le cose, c’è anche la mancanza di vegetazione. Insomma, gli animali sacri e intoccabili non possono più nutrirsi.

Totalmente abituati a essere nutriti dagli esseri umani e privi di piante, si sono rivolti alla spazzatura come loro principale fonte di sostentamento. A volte arrivano a mangiare perfino sassi e sacchetti di plastica. Sono così disperati che divorano qualsiasi cosa – abbigliamento, cinghie delle macchine fotografice, biglietti, mappe e passaporti.

Gli attivisti per i diritti degli animali in tutto il Giappone stanno cercando di ottenere giustizia e un trattamento più compassionevole per queste bellissime creature. Hanno raccolto anche le firme, ma la città ha respinto tutte le petizioni. Alcuni veterinari si sono offerti per sterilizzare o castrare gli animali gratis, ma i funzionari hanno fatto orecchie da mercante a ogni tipo di suggerimento.

L’isola dei cervi non è più un paradiso.

Roberta Ragni

Leggi anche:

Isola dei gatti, Giappone. Il ritorno (FOTO)

Okunoshima, l’isola dei conigli dal passato oscuro (VIDEO)

Big Major Cay/Bahamas: l’isola dei maiali liberi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook