Maya Bay, la spiaggia di The Beach, rimarrà chiusa fino al 2021: sterminato l’80% dei coralli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La splendida spiaggia di Maya Bay, in Thailandia, rimarrà vietata ai turisti fino al 2021. Resa celebre dal film The Beach, con Leonardo DiCaprio, la splendida baia situata sull’isola di Phi Phi Leh, era stata gravemente danneggiata dal massiccio accesso di visitatori.

Inizialmente chiusa per 4 mesi, dal 1° giugno dello scorso anno era stata interdetta al pubblico a tempo indeterminato per permettere alle autorità tailandesi di valutarne lo stato e porre rimedio.

Si parla di danni ingenti che hanno colpito e quasi sterminato la popolazione di coralli. È sparito quasi l’80% dei coralli della baia, complici anche le creme solari e le pericolose sostanze in esse contenute.

Tra le altre cause della morìa dei coralli vi sono indubbiamente gli scarichi degli hotel in mare, gli ancoraggi per imbarcazioni e i rifiuti di plastica gettati in mare e abbandonati sulla stupenda spiaggia, che fece da sfondo al film The Beach, nel 2000. Eppure si tratta di una piccola striscia di sabbia, lunga solo 250 metri e larga 15.

Maya Bay chiusa fino al 2021

Adesso, il Dipartimento dei Parchi Nazionali, della Fauna e della Conservazione delle Piante ha deciso di estendere la chiusura della famosa baia per altri due anni fino al 2021 per consentire il recupero della biodiversità, favorendo la crescita delle barriere coralline e delle mangrovie. La riapertura sarà a metà del 2021.

Thon Thamrongnawasawat, consulente del dipartimento dei parchi thailandese e biologo marino della Kasetsart Universit, ha spiegato:

“La risoluzione del dipartimento dei parchi è di estendere la chiusura di Maya Bay per altri due anni per permettere alla sua ecologia di riprendersi completamente”.

In tutto la spiaggia rimarrà inaccessibile per circa 3 anni. Una bella differenza rispetto alle 6mila persone che l’hanno visitata ogni giorno, fino alla chiusura.

In ogni caso, una volta riaperta nel 2021, l’accesso sarà limitato a un ristretto numero di visitatori: in tutto saranno 2.400 al giorno in alta stagione. L’obiettivo è quello di impedire che quanto accaduto possa ripetersi.

Basterà a salvare Maya Bay e i suoi coralli?

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook