Glass beach: da discarica a spiaggia colorata (FOTO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nell’estremo oriente russo c’è una grande insenatura che si affaccia sull’Oceano Pacifico, una piccola baia nei pressi di Vladivostok. Qui un tempo c’era una discarica a cielo aperto dove venivano gettate bottiglie di vetro e porcellana.

Tutti materiali che sono stati trasformati dalla natura: l’acqua marina e la potenza del mare hanno rotto le bottiglie di vodka, vino, birra e le hanno convertite in milioni di sassolini colorati dalle sfumature sorprendenti.

Per questo motivo, da zona off limits e pericolosa Ussuri Bay è oggi la Glass beach, un’attrazione turistica molto amata dai visitatori. In questo caso, la natura è riuscita a sopperire all’inquinamento provocato dall’uomo facendo brillare la spiaggia.

LEGGI anche: SPIAGGIA ROSA DI BUDELLI: UNA MERAVIGLIA DA TUTELARE. INTERVISTA AL NATURALISTA TOMMASO GAMBONI

Uno spettacolo che si ripete anche in altre spiagge come a Fort Bragg, in California e a Kauai nelle Hawaii.

LEGGI anche: LE 10 SPIAGGE PIÙ BELLE DEL MONDO. LA TERZA È LA SPIAGGIA DEI CONIGLI

spiaggia russa vetro4
spiaggia russa vetro1
spiaggia russa vetro5jpg
spiaggia russa vetro6
Dominella Trunfio
Foto: Anna Pozharskaya
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook