La Foresta dei suicidi: il luogo maledetto del Giappone, tra fantasmi e demoni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ai piedi del Monte Fuji in Giappone si trova un’inquietante foresta, la Aokigahara meglio conosciuta come la Foresta dei suicidi perché questo è un luogo maledetto, dove la gente decide di morire.

Ogni anno qui, vengono rimossi i corpi di moltissime persone che si impiccano tra la fitta vegetazione, per questo motivo la Foresta è il secondo posto, dopo Golden Gate Bridge di San Francisco, scelto da chi vuole togliersi la vita.

Un luogo inquietante tanto da essere stato set cinematografico dell’horror The Forest, distribuito in America. Aokigahara è un posto sconcertante, 35 chilometri immersi nel silenzio totale senza alcun tipo di fauna, ma solo alberi e piante inermi che contribuiscono a rendere l’atmosfera maledetta.

LEGGI anche: LE SURREALI CITTA’ FANTASMA POST FUKUSHIMA (FOTO)

foresta dei suicidi
foresta dei suicidi5

Non a caso si trovano cartelli come questo che vedete nella foto, in cui c’è anche un numero da chiamare in caso di bisogno. In tutta la foresta dei suicidi ci sono poi delle cabine telefoniche ma ciò non toglie che il numero dei suicidi rimane quello di un centinaio all’anno.

Si legge:
“La tua vita è un dono prezioso dei tuoi genitori. Pensa a loro e al resto della tua famiglia. Non devi soffrire da solo”.

foresta dei suicidi1

foresta dei suicidi6

Secondo una leggenda, le persone sono attratte da forze innaturali che li inducono alla morte. Alcuni sopravvissuti dicono addirittura di aver avuto la sensazione di essere stati chiamati dalla foresta. Aokigahara, nella tradizione giapponese, è stato sempre un luogo di demoni e fantasmi dove venivano abbandonati, secondo l’usanza ubasute, i malati.

Proprio queste vittime lasciate morire sarebbero diventati fantasmi vendicativi. Le anime prigioniere sono condannate a vivere eternamente intrappolate tra gli alberi, invitando i visitatori a unirsi a loro.

Una foresta, dunque, che avrebbe potuto essere straordinaria a livello paesaggistico, si è trasformata in un luogo di corde appese e corpi in decomposizione. A nulla sono serviti i tentativi di trasformarla chi c’è stato difficilmente vi ha fatto ritorno.

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook