porta_inferno

Dal 1971 brucia giorno e notte, per questo con il tempo è stato definito come The Gates of Hell, ovvero la porta dell’inferno, un cratere largo 70 metri che si trova in Turkmenistan.

Negli anni Settanta, l’Unione Sovietica aveva appiccato il fuoco in una cavità sotterranea piena di gas, certamente inconsapevole che quel rogo non si sarebbe spento mai più. L’enorme cratere è nel deserto del Karakorum, in Asia Centrale ed osservabile dal villaggio di Derweze, abitato da popolazioni nomade.

Durante il regime comunista, un team di geologi inviati da Mosca aveva scoperto una camera sotterranea di metano, un lauto bottino da recuperare con interventi di trivellazione ai fini commerciali.

A lungo andare però il terreno collassa, creando un enorme buco con fuoriuscita di gas. Ma c’è chi penso bene di appiccare fuoco, convinto che il rogo si sarebbe spento in poco tempo. Nel frattempo, sono passati quasi quarant’anni e la porta dell’inferno non accenna a spegnersi.

porta inferno2
 
porta inferno3

Da tempo, si cerca una soluzione per questo cratere profondo 20 metri, ma all’orizzonte c’è solo la certezza del presidente Gurbanguly Berdimuhammedow che non vuole bloccare lo sviluppo nell’area dei giacimenti di gas naturale, unica fonte economica della repubblica centroasiatica.

Altri luoghi incredibili:

15 PAESAGGI SURREALI, TANTO BELLI DA NON SEMBRARE VERI

porta inferno4

Quel che si vede oggi è uno scenario da film di fantascienza e paradossalmente l’area è diventata una meta turistica.

Guardate:

Dominella Trunfio

Foto

banner guida pulizie

Scrittori di classe

Come iscrivere la tua scuola a "salvare il Pianeta”, il concorso di Conad e WWF

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
settimana riduzione rifiuti 2018
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram