Nel cuore della foresta, lo storico palazzo africano del re e delle sue 100 mogli

bafut palace 2

Visto dall’alto sembra proprio una cattedrale nel deserto o meglio in mezzo alla foresta perché, la città di Bafut nel nord ovest del Camerun sorge proprio tra una fitta vegetazione. Al suo interno vi è il caratteristico palazzo del Fon di Bafut, il re della comunità che accentra su di sé tutti i poteri tradizionali.

Circondato dagli alberi, il palazzo storico racchiude una cinquantina di case che incorniciano il Santuario Achum, la loro caratteristica principale è che la maggior parte sono abitate dalle numerose mogli del Fon che attualmente ruotano intorno a cento.

Secondo la tradizione locale quando un Fon muore, il suo successore eredita tutte le sue donne così come i suoi figli, ciò significa che il nuovo re risposa matrigne e che tutti i suoi fratellastri e sorellastre diventano i suoi figli. L’attuale Fon di Bafut, undicesimo al trono, ha ereditato 72 mogli e circa 500 bambini.

bafut palace 4Photo credit: wmf.org

bafut palace 5Photo credit: wmf.org

bafut palace 3Photo credit: wmf.org

Il palazzo originale era fatto di canne di bambù, dopo la colonizzazione tedesca il complesso è stato ricostruito in mattoni. L’unico a essere sopravvissuto nella forma originale è stato il Santuario Achum che è un esempio di architettura religiosa tradizionale, purtroppo però è off limits possono accedervi, infatti, solo il re e i suoi stretti collaboratori.

Di fronte alla struttura ci sono diverse pietre che segnano luoghi di sepoltura e la Takombang, la casa cerimoniale del Fon.

fon bafut and wives 1Photo credit: Alamy

Il Palazzo è, dal 2006, tra i 100 siti a rischio del World Monuments Fund, la sua scomparsa rappresenterebbe la grave perdita di un esempio di architettura tradizionale tipica di alcune zone del Camerun.

Dominella Trunfio

Photo credit

LEGGI anche:

L’incantevole villaggio dove non esistono le strade (FOTO e VIDEO)

Yves Rocher

Candidati al premio Terre de Femmes della Fondazione Yves Rocher. Trovi tutte le info qui!

Coop

Arrivano nel reparto ortofrutta i meloni senza glifosato

dobbiaco

corsi pagamento

seguici su facebook