Senegal pescatori cover

Nel corso di questo viaggio in Senegal, come abbiamo visto, sono potuto entrare in contatto con realtà veramente interessanti. Fra queste, ce n'è una in cui sono potuto penetrare un poco più a fondo: quella dei pescatori.

La pesca è la prima fonte di occupazione del Paese, e il Senegal ha i mari più ricchi di pesce dell'intera Africa occidentale. Questi, purtroppo, sono da lungo tempo sovra-sfruttati dai pescherecci europei e asiatici, tanto che un peschereccio europeo pesca in un giorno tanto pesce quanto 56 piroghe locali in un intero anno.

A tal proposito, sono andato a incontrare Abdou Karim Sall, combattivo presidente dell'Associazione pescatori senegalese, che mi ha descritto una situazione incredibile. Da quelle parti, infatti, c'è una vera e propria mafia della pesca, molto legata anche al nuovo governo che ha bloccato le licenze ai pescherecci esteri, ma che ha messo in piedi l'assurdo sistema dei "Bateaux Mixtes".

Senegal 298

In cosa consiste? Dall'Europa alcuni soggetti donano dei pescherecci a pescatori senegalesi (scelti dai "veri" proprietari delle imbarcazioni); questi possono pescare ciò che vogliono, senza nemmeno pagare tasse; il pescato viene venduto sul mercato internazionale e, illegalmente, il ricavato viene suddiviso fra donatori e nuovi proprietari dei battelli, spesso ministri, avvocati o altri pezzi grossi senegalesi.

Senegal 290

In sostanza, il nuovo governo di Dakar, insediatosi nel maggio dello scorso anno, ha bloccato le licenze ai pescherecci stranieri, ma ha messo in piedi un sistema di finte donazioni e corruzione che, sotto certi aspetti, sta anche peggiorando la situazione.

Senegal 307

Oltre all'aspetto ambientale, c'è quello sociale. Abdou Karim Sall, presidente dell'Associazione senegalese dei pescatori, mi diceva infatti che, di questo passo, entro dieci anni potrebbe non esserci più pesce, in quei mari, e che si potrebbe presto sviluppare (come già successo nel corno d'Africa) la piaga della pirateria, oltre che vari conflitti ed emigrazione clandestina verso l'Europa.

Senegal pescatori-mercato

I sintomi già ci sono, in effetti. Per questo, o meglio, anche per questo, Abdou Karim sta facendo il possibile per sensibilizzare i cittadini europei a fare attenzione a come, quanto e quale pesce consumano. Ma soprattutto sta chiedendo all'Unione europea di fare qualcosa per fermare questo scempio. Chissà se verrà mai ascoltato. Da noi, prima ancora che dalle sorde istituzioni.

foto e testi: Andrea Bertaglio

LEGGI anche:

Viaggio in Senegal 1: niente carita', solo supporto alle attivita' locali

Viaggio in Senegal 2: il cous cous salato delle donne di Fadiouth

Viaggio in Senegal 3: verso l'indipendenza economica e alimentare

Viaggio in Senegal 4: aiutare i giovani rimpatriati

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 video-corsi su Alimentazione sana, Salute e Benessere naturale, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e podcast inclusi

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog