Le 6 più belle città europee da visitare a piedi: nella classifica del Guardian c’è anche una italiana (forse non quella che ti aspettavi)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La top 6 delle migliori città del Vecchio Continente da visitare a piedi. Al secondo posto della classifica del Guardian c’è il capoluogo di una Regione italiana

Il miglior modo per scoprire davvero un luogo è girarlo a piedi. Solo perdendosi tra vie e viuzze è possibile vivere l’atmosfera più autentica di una città e imbattersi in chicche che non sono segnalate sulle mappe e sulle guide turistiche. Oltre ad essere piacevole per tutti i curiosi (e non solo), passeggiare aiuta anche a tenersi in forma senza troppi sforzi. Ma quali sono le città del Vecchio Continente che vale assolutamente la pena visitare a piedi?

A stilare una classifica è il celebre quotidiano britannico The Guardian, che ha premiato 6 città europee, tra cui una italiana. Se avete pensato subito a Roma, tra le più romantiche del mondo, vi sbagliate. Secondo il prestigioso giornale, è Trieste la città del Bel Paese da scoprire a piedi.

Vediamo quali sono tutte le città inserite nella Top 6 del Guardian.

Leggi anche: Migliori città del mondo 2021: tutte le 37 località premiate (due sono italiane)

Berlino: crocevia della storia moderna

Per conoscere davvero la capitale tedesca, che custodisce importanti simboli della storia del secolo scorso, bisogna optare per delle lunghe camminate. 

Se volete tracciare un percorso – suggerisce il Guardian – vi consigliamo di fare un giro nei seguenti: il quartiere Hansa (Hansaviertel), una tenuta vetrina dove famosi architetti (tra cui Alvar Aalto, Walter Gropius, Arne Jacobsen e Oscar Niemeyer) hanno progettato edifici residenziali modernisti in un sito distrutto nella seconda guerra mondiale; il parco cittadino Tiergarten; Alexanderplatz e Prenzlauer Berg, dove ci sono dei bei caffè e ristoranti. Berlino è grande, ma potete sempre salire su un treno S-Bahn per il viaggio di ritorno. Se avete voglia di fare un’escursione fuori dai quartieri centrali, passeggiate fino all’ex aeroporto di Tempelhof. 

Trieste: gite gioiose e buon caffè

Al secondo posto della classifica troviamo la splendida Trieste, città di mare e di confine. Secondo il Guardian, il periodo perfetto per visitare il capoluogo del Friuli-Venezia Giulia è l’estate. 

La città ha caffè molto amati, alcuni belli (tutti accoglienti) che fungono da pit-stop, ma anche uno splendido lungomare. – spiega il Guardian  – Uno dei caffè più grandi, il Caffè degli Specchi si trova sulla piazza principale, Piazza Unità d’Italia. Questo è un luogo naturale per iniziare una passeggiata a zigzag, che comprende il museo Joyce , la collezione d’arte e i sontuosi interni del Museo Revoltella , il grazioso Borgo Teresiano, intitolato alla sovrana asburgica del XVIII secolo Maria Teresa, e il Caffè San Marco, una spaziosa libreria-caffetteria con un interno in stile secessionista viennese. Dal centro si sale in breve e ripida salita a Villa Opicina con vista sul Golfo di Trieste. Se avete energie per camminare ancora, proseguite lungo il sentiero sterrato boscoso della Strada Napoleonica verso Prosecco. Sono 5 km se percorri tutta la strada; vedrai il Castello di Miramare, la residenza estiva dell’arciduca Ferdinando Massimiliano e di sua moglie, Carlotta, ai piedi della scogliera. Puoi tornare per un altro sentiero.

Marsiglia: mercati moreschi e collegamenti marittimi

Secondo il Guardian, l’antica città francese ha davvero tutto: il Vieux-Port affacciato sul mare, le strade strette e tortuose del quartiere di Le Panier, l’ampia vista dalla Basilique Notre-Dame de la Garde e il quartiere di Rue de la République, con i suoi Circonferenza Haussmannien e grandi edifici della metà del XIX secolo.

A soli tre isolati dal porto c’è il Marché Noailles, dove puoi assaggiare prodotti freschi e annusare le spezie al Marché des Capucins quotidiano e sorseggiare tè alla menta o un kebab, focaccia e couscous. – consiglia il quotidiano – Segui la prima rotonda fino al Mucem (Museo delle civiltà europee e mediterranee), ma assicurati di dare un’occhiata anche ad alcuni dei musei più piccoli della città.

Lisbona: strade in salita e cucina eccellente

La capitale portoghese è una delle città europee più belle in assoluto secondo il Guardian. A renderla unica sono le salite e le discese, anche se qualcuna può risultare un po’ faticosa per i meno esperti. Ma non solo. Lisbona è la meta perfetta per gli amanti del buon cibo. 

È una di quelle città in cui i ristoranti meno in cerca di attenzione servono alcuni dei piatti migliori, e vale la pena allontanarsi dai bar e scoprire dove pranzano i residenti del posto – sottolinea il Guardian – Il pesce di solito è eccellente, in particolare il bacalhau à brás (baccalà con uova e patate), sardine alla griglia o cataplana (pesce bianco e stufato di frutti di mare). Durante i tuoi vagabondaggi, ti imbatterai in deliziosi bar e caffè, alcuni dei quali si riempiono di malinconiche note di fado dal vivo dopo il tramonto. 

Copenaghen: una città sorprendentemente ricca di libri 

A guadagnarsi il quinto posto in classifica è la città danese Copenaghen, che si caratterizza per la sua ricchezza culturale e la presenza di numerose piste ciclabili. 

Inizia una passeggiata dal cimitero di Assistens. Non è per niente cupo. – raccomanda il quotidiano – La gente del posto viene qui per rilassarsi, fare picnic e godersi il fogliame lussureggiante. Qui sono sepolti Kierkegaard e il famoso scrittore Christian Andersen. Oltre le mura c’è il quartiere di Nørrebro, pieno di negozi di abbigliamento firmato e gallerie, murales e punti vendita di birra artigianale – il tipo di cose superficiali e divertenti che Kierkegaard avrebbe odiato. Da qui, spostati pensieroso verso l’area del porto, passando attraverso il delizioso spazio verde del Giardino della Biblioteca Reale lungo il percorso e facendo un salto nella Biblioteca Reale, AKA Biblioteca Black Diamond, che ha una grande collezione di manoscritti in mostra. Per uno spuntino o un drink, scegli tra iPaludan Bogcafé e l’opulento Library Bar dell’hotel Plaza, noto per le sue sedie Chesterfield, i concerti jazz e gli ottimi cocktail.

Siviglia: passeggiate sacre e giardini divini

Chiude in bellezza la classifica Siviglia, l’incantevole capoluogo della regione spagnola dell’Andalusia. Il modo migliore per visitarla a piedi è seguire il percorso della processione che viene organizzata ogni anno durante la Settimana Santa.

I cofradi (fraternità religiose), nei loro disarmanti cappelli a punta, gravitano al centro dalle parrocchie di tutta la città, ma sono tutte incanalate nelle ultime strade, da Calle Campana, giù per Calle Sierpes, attraverso Plaza de San Francisco, lungo l’Avenida de la Constitución, concludendo nella cattedrale – spiega il Guardian – Accanto si trova il Real Alcázar , un complesso di palazzi, fortificazioni, cortili, piscine riflettenti e splendidi giardini e uliveti disposti su una griglia ordinata. Una complicata fusione di mudéjar e altri stili architettonici europei. Il sito si è sviluppato nell’XI secolo, quando Siviglia era sotto il dominio della dinastia araba musulmana degli Abbādid; è stato più volte ampliato e modificato per diventare una residenza reale cristiana.

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: The Guardian

Leggi anche: 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook