Quanto inquinano le tue vacanze? Calcolata per la prima volta l'impronta del turismo mondiale

vacanze-emissioni

Il turismo è responsabile di quasi un decimo delle emissioni di gas serra e i voli ne rappresentano una componente importante. È quanto emerge da un nuovo studio pubblicato su Nature Climate Change da un team delle università australiane di Sidney e del Qeensland.

Quanto costano i nostri viaggi?

Lo svela “The carbon footprint of global tourism”, un’analisi sull’inquinamento provocato dal turismo che è un’industria globale in continua crescita che vale più di 7 trilioni di dollari e da lavoro a una persona su dieci.

Come si legge nello studio:

"L’impronta globale delle emissioni di gas serra legate al turismo globale è quattro volte maggiore rispetto alle stime precedenti, sta crescendo più velocemente del commercio internazionale ed è già responsabile di quasi un decimo dei gas serra globali".

Lo studio è stato condotto dall’Integrated Sustainability Analysis supply-chain research group dell’Università di Sydney e per la prima volta, quantifica l’impronta di carbonio in ben 189 paesi non limitandosi come era stato fatto nei precedenti, solo a hotel, infrastrutture ed eventi solo in alcune zone del mondo.

Tra il 2009 e il 2013, l’impronta di carbonio globale del turismo è aumentata da 3,9 a 4,5 Gt di CO2 equivalenti, ovvero quattro volte più delle stime precedenti, pari a circa l’8% delle emissioni globali di gas serra. Sono stati presi in considerazione shopping, trasporti e cibo.

vacanze emissioni

Credit: University of Sydney

Chi inquina di più?

In cima alla classifica dell’impronta di carbonio ci sono gli Stati Uniti, seguita da Cina, Germania e India. I colpevoli sono i viaggi interni e i viaggi d’affari che non possono essere distinti dal turismo. Invece, chi viene da Canada, Svizzera, Olanda e Danimarca esercita un’impronta di carbonio molto più elevata all’estero che nel proprio Paese.

Secondo Arunima Malik, principale autrice dello studio:

"Quando le persone più ricche viaggiano tendono a spendere di più per i i trasporti con emissioni di carbonio più elevate, il cibo e gli acquisti. Se sono visitatori provenienti da Paesi ad alto reddito, in genere spendono fortemente per viaggi aerei, negozi e ospitalità dove vanno, ma se i viaggiatori provengono da Paesi a basso reddito spendono di più per il trasporto pubblico e il cibo non trasformato, i modelli di spesa sono diversi per le diverse economie da cui provengono".

Da sottolineare rimane il fatto che gli impatti più grossi del turismo sono nelle piccole isole e nelle località sciistiche. In Paesi come le Maldive, Mauritius, Cipro e Seychelles, il turismo internazionale rappresenta tra il 30% e l’80% delle emissioni nazionali.

Come dicevamo, lo studio stabilisce che sia i viaggiatori internazionali che le entrate del turismo sono cresciuti dal 3 al 5% all’anno superando la crescita del commercio internazionale. Per questo nello studio è stata analizzata tutta la catena di approvvigionamento partendo dai souvenir e finendo ai voli.

La conclusione è che:

"Le piccole isole attraggono una quota sproporzionata delle emissioni di carbonio attraverso gli arrivi internazionali, mentre gli Stati Uniti sono responsabili della maggior parte delle emissioni generate dal turismo in generale".

E consigliano: volare meno e pagare di più per ridurre le emissioni di carbonio. Una raccomandazione che di certo non metterà d’accordo proprio tutti.

Leggi anche:

Dominella Trunfio

germinal bio

Germinal Bio

Germinal Bio contribuisce a rigenerare i boschi veneti colpiti dalla tromba d'aria

hcs320

Eivavie

Come depurare l'acqua del rubinetto con i filtri in ceramica

corsi pagamento
seguici su facebook