“Portala nel cuore”: al via la campagna di sensibilizzazione contro i furti di sabbia e conchiglie in Sardegna

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

"Portala nel cuore" è il titolo della nuova campagna promossa dalla Sardegna per dire basta ai furti di sabbia e conchiglie in spiaggia

Ecco il carrello smart per la spesa

Ogni anno è sempre la stessa storia: con l’arrivo dell’estate ricominciano i furti di sabbia e conchiglie dalle spiagge italiane. Per dire basta a questo scempio in Sardegna è stata lanciata la campagna di comunicazione istituzionale “Portala nel cuore”, realizzata da Agenzia Dogane e Monopoli in collaborazione con la Regione.

La nuova campagna avrà tre testimonial d’eccezione: Caterina Murino, Geppi Cucciari e Luigi Datome, che hanno voluto metterci la faccia per sensibilizzare i cittadini sulla tematica. Gli spot in programma sono tre e saranno diffusi sui canali social di Adm e della Regione Sardegna e sugli schermi delle principali stazioni ferroviarie italiane e delle più importanti emittenti radiotelevisive sarde.

Le incantevoli spiagge sarde sono tra le più depredate del Bel Paese: ogni estate tantissimi turisti incivili rubano sabbia, ciottoli e conchiglie dai litorali per portarli a casa come se fossero dei souvenir. Soltanto nel 2020 nei tre aeroporti di Cagliari, Olbia e Alghero le autorità hanno sequestrato oltre 150 chili di conchiglie, sabbia e ciottoli prelevati dalle spiagge sarde e nascoste nei bagagli. 

Ogni anno le spiagge della Sardegna subiscono danni irreparabili a causa di chi, senza alcun rispetto, porta via sabbia, pietre e conchiglie– si legge sulla pagina Facebook dell’Agenzia Dogane e Monopoli – Non è solo un comportamento sbagliato, ma è anche un illecito. Se ami la Sardegna, tutela la sua bellezza e #portalanelcuore.

Non tutti sanno (o preferiscono ignorare) che rubare sabbia, conchiglie e ciottoli costituisce un reato punibile con una multa che va da 500 a 3000 euro. E non si tratta soltanto di una questione legale, ma di rispetto per gli ecosistemi delle nostre bellissime spiagge, sempre più vulnerabili a causa dell’inquinamento e della crisi climatica. 

Fonte: ADM/Facebook

Leggi anche: 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook