Le terme naturali (e gratis) più belle d’Italia dove trascorrere un fine settimana all’insegna del relax

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sapevate che in Italia ci sono numerose sorgenti termali in cui rilassarsi e godere dei benefici per la salute gratuitamente? Vi portiamo alla scoperta delle terme libere più belle del nostro Paese

Non c’è bisogno di prenotare in una Spa, spendendo anche un bel po’ di soldi, per trascorrere qualche ora in totale relax e rigenerarsi. Da Nord a Sud, in Italia esistono diverse terme naturali e ad accesso libero, alcune delle quali immerse in scenari davvero suggestivi. Tra le sorgenti termali più famose e antiche del Bel Paese troviamo Saturnia, nel cuore della Maremma Toscana, ma non sono affatto le uniche che vale la pena visitare e testare letteralmente sulla propria pelle.

Pronti per andare alla scoperta delle terme gratis più affascinanti d’Italia?

Terme libere di Ischia

Nella splendida isola di Ischia vi sono vari punti in cui sgorgano sorgenti termali dove fare un bagno caldo rigenerante senza spendere un euro. I bagni liberi più gettonati sono sicuramente quelli che si trovano nella Baia di Sorgeto, a Panza: un’insenatura naturale a cielo aperto molto affascinante, in cui è possibile immergersi tutti l’anno per godere dei benefici dell’acqua termale.

A rendere tutto più suggestivo è il meraviglioso panorama che si ammira per raggiungerli.

Cascate del Mulino (Saturnia, Grosseto)

Le terme di Saturnia, note anche come Cascate del Mulino, rappresentano una tappa imperdibile per chi visita la Maremma Toscana. È un luogo in cui Madre Natura ha creato un vero capolavoro.

Nel corso dei secoli la potenza dell’acqua ha scavato nelle rocce di travertino delle piscine terrazzate, che si tingono naturalmente di sfumature di azzurro e di bianco.

L’acqua, che alimenta le pittoresche cascate, sgorga da una sorgente naturale ad una temperatura di 37,5°C e grazie alla presenza di un particolare elemento, il Plancton Termale, che ha straordinari effetti benefici sia sulla pelle che sugli apparati digestivo, circolatorio e motorio.

Le Cascate del Mulino sono aperte 24 ore su 24, anche nel periodo invernale, e sono accessibili gratuitamente. Se non avete intenzione di immergervi, vi consigliamo comunque di ammirarle. Lo scenario è da cartolina!

Terme libere del Bullicame (Viterbo)

Per gli amanti del relax e della natura incontaminata, da non perdere le terme libere di Viterbo. Si tratta di antichissime sorgenti termali del Bullicame, citate anche da Dante nella Divina Commedia. Il centro termale dista circa 2,5 km dal centro di Viterbo ed è ad ingresso gratuito.

L’acqua termale del Bullicame è solfurea-solfato-bicarbonato-alcalino-terrosa e la sorgente ha una temperatura di 58°C. Quest’acqua è ricchissima di oligo-elementi e svolge un’azione naturale antiossidante sulla pelle. Per le sue strardinarie proprietà, quest’acqua è indicata a chi soffre di malattie dermatologiche, ma anche a chi ha problemi all’apparato respiratorio e a quello circolatorio. L’affioramento principale di acqua termale si trova in un laghetto formato da un profondo cratere naturale.

Pur essendo libere, le terme sono accessibili soltanto in alcuni orari per garantire la sicurezza dei visitatori.

Terme libere di Bagno Vignoni (Siena)

Nel cuore della Val d’Orcia, in prossimità della Via Francigena, c’è un luogo pittoresco tutto da scoprire: Bagno Vignoni. Questo borgo toscano è noto per la sua sorgente termale naturale, le cui acque venivano usate fin dall’epoca romana a scopi terapeutici.

Oggi l’acqua termale, che ha una temperatura di circa 38° C, ed è composta da carbonato di caclio e ferro, cloruro di sodio, magnesio e solfato di calcio, defluisce verso il cosiddetto Parco Naturale dei Mulino. L’accesso alle terme è libero, ma bisogna tenere a mente che è vietato fare il bagno nella piscina che si trova a Piazza delle Sorgenti per motivi di decoro pubblico.

Tuttavia, è possibile immergersi nelle vasche appena fuori dal borgo. Procedendo lungo i canaletti sulla sinistra della piazza principale, e poi lungo il sentiero che discende dalla collina, s’incontra una vasca rettangolare, dove l’acqua è meno calda e quindi adatta anche a chi ha problemi circolatrori o a chi soffre di pressione bassa.

Polle del Cremiso (Segesta, Trapani)

Tra i bagni liberi più belli del Sud Italia non possiamo non menzionare quelli di Segesta, noti anche come “Polle del Crimiso”. Queste terme di origine vulcanica si trovano a Castellamare del Golfo e sono immersi fra canneti e tamerici. I bagni termali di Segesta sono costituiti da affioramenti di acqua termale che sgorga sulle sponde del fiume Crimiso alla temperatura di circa 47°C.

Secondo l’antica leggenda greca, l’acqua è così calda per volere della divinità Krimisòs che aveva alzato la temperatura per riscaldare la ninfa Egesta, fuggita dalla città di Troia distrutta dalla guerra. Se siete amanti del trekking e dell’archeologia, vi consigliamo di approfittarne e visitare l’affascinante parco archeologico di Segesta, che custodisce il Tempio Dorico e il Teatro Antico.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook