Giornate FAI d’autunno: ville, castelli e gli altri tesori italiani da non perdere questo fine settimana

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tutto pronto per il tradizionale appuntamento con le Giornate Fai d'autunno! Per due giorni in programma visite guidate in musei, dimore storiche, castelli e altre chicche del Bel Paese, un'occasione per riempirsi gli occhi di meraviglia e scoprire chicche poco note del nostro patrimonio naturale e architettonico

Libera Terra

Come ogni anno, tornano le attesissime Giornate FAI d’autunno, l’evento che ci permette di scoprire tutta le bellezza di luoghi poco conosciuti e solitamente inaccessibili. Il tradizionale appuntamento, organizzato dal Fondo per l’Ambiente e giunto alla sua 11esima edizione, è fissato per sabato 15 e domenica 16 ottobre.

Nel corso di queste due giornate i giovani volontari dell’associazione metteranno a disposizione la loro energia e il loro entusiasmo per aprire al pubblico 700 luoghi speciali in ben 350 città d’Italia. Queste chicche potranno essere visitate con un piccolo contributo libero, che serve a valorizzare il patrimonio paesaggistico e architettonico del Bel Paese per renderlo fruibile a tutti.

Sarà un’occasione per immergersi nella storia, nell’arte e nella natura e per approfondire la missione del FAI, che si prende cura delle bellezze della nostra nazione.

Fra i numerosi luoghi aperti in tutte le regioni ci saranno palazzi, ville, chiese, castelli, aree archeologiche, musei, siti militari, esempi di archeologia industriale, luoghi dell’istruzione e centri di ricerca. È in programma, ad esempio l’apertura del bellissimo Castello di Bernalda, che sorge a Matera, e spendida villa Mura di Capri, da cui si gode di una vista mozzafiato sul Golfo di Napoli.

A guidare i visitatori e a farli appassionare ci saranno i giovani del FAI. Anche per quest’edizione non mancheranno i suggestivi itinerari nei borghi, percorsi naturalistici e visite a luoghi “verdi”, fra cui parchi, giardini storici e orti botanici. Il Fai è da tempo impegnato, infatti, nella promozione della “cultura della natura” perché non può esserci bellezza senza la tutela del paesaggio.

L’elenco dei luoghi da visitare (con prenotazione e non) con i relativi orari è disponibile QUI.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: FAI

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook