Il Giardino dei Tarocchi: a Capalbio c’è questo posto davvero magico da visitare almeno una volta nella vita

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il Giardino dei Tarocchi è un vasto parco di sculture che rappresentano i 22 principali arcani dei tarocchi, a Garavicchio, in Toscana.

Ispirato a Antoni Gaudì – chi ha visitato il Parc Guell di Barcellona qui ha la sensazione di esserci già stato – il Giardino dei Tarocchi di Capalbio rispecchia l’animo visionario della sua creatrice, Niki de Saint Phalle

Natura ed esoterismo a due passi da casa: al confine tra Lazio e Toscana c’è un luogo incantato, dove ogni cosa sembra dettata dal mistero. È il Giardino dei Tarocchi, un parco artistico dedicato agli arcani maggiori delle carte dei Tarocchi. Qui è un continuo di forme magicamente fiabesche alte anche quindici metri, sorrette da armature in acciaio piegate a braccia, rivestite a specchio, a mosaico policromo, a vetro, a ceramica invetriata.

Tutt’attorno predomina il rosso e il blu cobalto, il celeste e il verde smeraldo, e poi vialetti, giardini, fontane e tantissime iscrizioni. Una fra tutte: “L’immaginario è la mia felicità. L’immaginario esiste”.

Eccola la frase che racchiude tutto ciò che di magico e misterioso ed esoterico c’è in questo posto, pronunciata e impressa da quella artista visionaria artefice di questo luogo “non luogo”: Niki de Saint Phalle.

La storia del Giardino dei Tarocchi

Siamo in località Garavicchio, nei pressi di Pescia Fiorentina, frazione comunale di Capalbio, provincia di Grosseto, e qui il Giardino dei Tarocchi prende il nome dal fatto che al suo interno l’artista abbia costruito le 22 figure rappresentate nelle carte. Grosse strutture in acciaio ricoperte di vetri colorati, specchi e ceramiche preziose incastonati tra loro come tasselli di un grande mosaico: immerse nella natura della Maremma si ergono così quelle ciclopiche sculture alte dai 12 ai 15 metri dedicate ai simboli dei Tarocchi.

Per più di diciassette anni il giardino è stato un laboratorio di idee in cui Niki de Saint Phalle affiancata dal marito Jean Tinguely e da una equipe di nomi dell’arte contemporanea come Rico Weber, Sepp Imhof, Paul Wiedmer, Dok van Winsen, Pierre Marie ed Isabelle Le Jeune, Alan Davie, Marino Karella e altri, hanno creato le statue ispirate agli arcani maggiori dei tarocchi.

giardino tarocchi

©Silvia Romano

I colori vivaci e intensi, la predominanza dei contrasti cromatici non è ispirata solo al maestro Gaudì. A colpo d’occhio è facile rivedere le forme di Matisse, Picasso, Kandinskij e Klee.

Aperto al pubblico nel 1998, il parco prevede diversi percorsi che si estendono per due ettari, durante il cammino si trovano incisi messaggi e pensieri dai significati simbolici e a tratti esoterici. Il portale d’ingresso, creato dall’architetto ticinese Mario Botta in collaborazione con Roberto Aureli è costituito da una lunga muraglia in tufo con un’apertura circolare al centro, quasi a sottolineare il passaggio dal mondo reale a quello onirico del giardino.

Giorni e orari di visita

Le visite al Giardino dei Tarocchi sono possibili solo da aprile alla metà di ottobre, limitate in fasce orarie predeterminate, per un numero ristretto di visitatori. Per desiderio dell’artista inoltre, al fine di salvaguardare la libertà di movimento dei visitatori, non sono previste né visite guidate né un itinerario precostituito.

giardino tarocchi
©Silvia Romano

Orario di apertura e prezzi:

  • dall’1 aprile al 15 ottobre, tutti i giorni dalle ore 14.30 alle ore 19.30
  • biglietto intero: 12,00 €
  • biglietto ridotto: 7,00 € (da 7 a 22 anni, età superiore a 65 anni, gruppi di almeno 25 persone)
  • ingresso gratuito per i bambini di età inferiore a 7 anni e per le persone invalide al 74% più un accompagnatore

QUI è possibile acquistare i biglietti.

Clicca qui per conoscere altri giardini italiani da visitare.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook