Boschi incantati italiani: i luoghi più belli per andare alla scoperta di fate, gnomi e folletti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I boschi incantati più belli di tutta Italia, destinazioni da visitare insieme ai bambini alla scoperta di gnomi, elfi e folletti

I boschi incantati più belli di tutta Italia, destinazioni da visitare insieme ai bambini alla scoperta di gnomi, elfi e folletti

In Italia ci sono numerosi boschi incantati dove gnomi, folletti e creature magiche tengono compagnia a grandi e piccini lungo meravigliosi percorsi naturali. Famosissimo è il Giocabosco di Gavardo, in provincia di Brescia, uno dei primi boschi incantati del paese, abitato da una famiglia di gnomi. Ma anche altre regioni ospitano boschi di questo tipo, per esempio l’Emilia Romagna in quel di Bagno di Romagna, il Veneto, le Marche, l’Umbria. Addentriamoci alla scoperta dei più belli.

Giocabosco di Gavardo, Lombardia

 

giocabosco

©giocabosco/Facebook

Il Giocabosco di Gavardo è un bosco incantato popolato da una famiglia di gnomi, famosi per la loro abilità nel costruire case sotto le radici degli alberi, per la loro conoscenza delle proprietà terapeutiche delle erbe e per il rispetto e la cura degli animali. In questo bosco le famiglie sono accompagnate lungo il percorso dalle fate e i bambini imparano a conoscere la natura e i suoi prodotti. Lo scopo di Giocabosco è infatti diffondere l’educazione ambientale e per questo vengono organizzate passeggiate, attività e giornate animate, che continuano anche ora, seppure nel rispetto delle nuove norme. (Leggi anche: Giocabosco: tra gnomi e fate, il parco didattico a tema più piccolo del mondo)

giocabosco

@giocabosco

Bosco monumentale del Sasseto di Torre Alfina (VT), Lazio

bosco sasseto

@Acquapendente

Il comune di Acquapendente, in provincia di Viterbo, ospita un bosco conosciuto come “bosco delle fate” o “bosco incantato”. Si tratta del Bosco del Sasseto di Torre Alfina, dove la natura è davvero incontaminata e c’è da perdersi tra i numerosi sentieri che vennero realizzati nella seconda metà dell’800 dal Conte Edoardo Cahen. Un luogo magico di per sé che ora riapre le porte e ripropone, dopo tanta attesa, lo spettacolo “Il bosco incantato!“.

Bosco delle Fate a Montegrotto Terme, Veneto

Se volete portare i bambini in un luogo davvero magico e incantato tra fate, folletti e altre creature del bosco, andate a Montegrotto Terme, in provincia di Padova, al Bosco delle Fate situato in un parco alberato di 6000 metri quadri. Qui fantasia e tradizioni popolari sono di casa, ci sono persino delle curiose falene e di domenica solitamente vengono organizzati laboratori artistici e visite guidate da un folletto. Il parco ha riaperto ma ovviamente, per ora, si può accedere solo rispettando le nuove direttive dovute all’emergenza Coronavirus. Qui 

bosco fate

@Micromegamondo

Sentiero degli Gnomi di Bagno di Romagna, Emilia Romagna

sentiero degli gnomi

@Il sentiero degli gnomi

A Bagno di Romagna, sull’Appennino-tosco romagnolo in provincia di Forlì-Cesena, si snoda il magico “Sentiero degli Gnomi“, porta d’accesso a un mondo incantato. Lungo il sentiero, che è a libero accesso ed è lungo 2 chilometri, grandi e piccini hanno l’opportunità di ammirare con i propri occhi le casette in cui risiedono gli abitanti del bosco. Ma anche le fonti a cui si abbeverano, la radura e persino il loro ufficio postale, dove spedendo una lettera si riceve sempre una risposta.

sentiero degli gnomi

@Il sentiero degli gnomi

Ci si può fermare per un gustoso pic nic, si possono ammirare sculture in pietra, statue di animali e la grande orchestra della natura, formata da strumenti musicali installati nei tronchi degli alberi. E gli gnomi? Non aspettano altro che i loro amati ospiti, dal saggio Gnomo Savio con il suo bastone magico sempre a portata di mano, alla custode delle foglie Fata Foglina, insieme a tutti i loro amici.

sentiero gnomi

@Il sentiero degli gnomi

Non solo, il sentiero propone anche interessanti attività per la famiglia. Percorsi sensoriali a piedi nudi, prelibati pic nic degli gnomi per assaporare i loro cibi preferiti, cacce al tesoro e incontri per scoprire i segreti e le origini di questo magico luogo.

Bosco incantato di Gnomo Mentino a Bagno di Romagna, Emilia Romagna

bosco gnomo mentino

@Gnomo Mentino

A Bagno di Romagna esiste un bosco incantato dedicato agli gnomi, nel Parco dell’Armina. Si tratta di un bosco di querce, carpini e aceri nel Centro Turistico Valbonella di cui è protagonista Gnomo Mentino, amico di tutti i bambini, che ama raccontare storie di boschi e di amicizia. Tra casette di legno, creature magiche, animali e illustrazioni, ma anche bellissime sculture, grandi e piccini si sentiranno immersi in una fiaba.

Bosco parlante di Città della Domenica in Umbria

bosco parlante

Nel parco divertimenti Città della Domenica, a Perugia, esiste un Bosco parlante destinato a tutte le famiglie che qui possono vivere un’esperienza a contatto con la natura e la fantasia. Si tratta di un percorso di oltre 300 metri situato in un bosco naturale, ideato dall’artista Kiril Cholakov, per sensibilizzare i più piccoli nei confronti del bosco come sistema vivente.

Bosco dei folletti di San Martino, Marche

bosco san martino

@Il bosco dei folletti

I folletti sono esperti della natura, ne conoscono e parlano la lingua, e questo bosco situato a San Martino, nelle Marche, è dedicato proprio a loro. A fare da guida durante le passeggiate nel Bosco dei folletti sono delle simpatiche fatine, e lungo il sentiero incantato è possibile incontrare una famiglia di folletti, una fattoria con animali, piante e attrezzi agricoli, in un percorso didattico che valorizza l’ambiente.

Il bosco incantato di Zavattarello, Lombardia

bosco incantato

@zavattarello

In Lombardia, regione che pullula di meravigliosi boschi incantati, ce n’è uno particolarmente affascinante ai piedi del castello di Zavattarello. Il percorso è immerso nella natura incontaminata ed è popolato da creature magiche e curiose: i Puffi nel loro villaggio, i Pinocchio dai cappelli colorati, gli alberi parlanti, Biancaneve, gli elfi silvani. Insomma, un luogo davvero magico.

Sentiero delle Fate a Preghena, Val di Non

In Val di Non, nel paese di Preghena inizia (e finisce) un cammino ad anello tra i più facili, didattici e suggestivi per i bambini, il Sentiero delle Fate, un percorso pieno di storie e personaggi fantastici. Il nome ufficiale del percorso è “il lavoro, le fate, le streghe”, anche se moltissimo lo chiamano il sentiero delle fate. E mai definizione potrebbe essere più calzante in questo cammino incantato lungo il quale si incontrano sculture di legno che non raccontano un’unica storia, ma tanti racconti di un meraviglioso libro di favole 3D a cielo aperto. Ogni scultura,  Un’esperienza da fare assolutamente e un cammino che può essere percorso anche con i paseggini. Ad agosto, ogni anno il Sentiero delle fate fa da suggestivo scenario alla Festa del bosco incantantato.

Ne avete altri da aggiungere?

Ti potrebbe interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018. Appassionata di viaggi, folklore, maschere tradizionali. Si occupa anche di tematiche ambientali, riciclo creativo e fai da te. Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo". Nel 2018 ha dato vita a Mirabilinto, labirinto di meraviglie illustrate.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook