Laguna rosa di Torrevieja: in Spagna lo spettacolare lago salato rosa (che è anche una Spa naturale)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In Spagna, a circa 60 km da Alicante, c'è un luogo che ha dell'incredibile: la laguna di Torrevieja, dove le acque si tingono di rosa

In Spagna, a circa 60 km da Alicante, c’è un luogo che ha dell’incredibile: la laguna di Torrevieja, dove le acque si tingono di rosa grazie ad un fenomeno naturale 

Rosa, di un rosa forte e intenso: a sud della provincia di Alicante, in Spagna, si dispiega agli occhi dei visitatori un fenomeno naturale unico. È l’incredibile laguna rosa di Torrevieja, 1.400 ettari rientranti nel Parco Naturale di Lagunas de la Mata e Torrevieja.

Di questa splendida riserva naturale in Costa Blanca, infatti, fanno parte i due bellissimi laghi salati tra i più grandi d’Europa ed entrambi collegati al mare da canali: oltre alla laguna di Torrevieja, è da visitare anche la laguna La Mata, di un colore blu-verde, altro spettacolo della natura.

lago rosa torrevieja

@kho/123rf

Leggi anche: Il meraviglioso lago rosa del Kenya, con cristalli e fenicotteri

Un fenomeno naturale unico 

Dal rosa incredibile, che a volte tende al fucsia e che lascia senza fiato, le acque di Torrevieja sono in realtà il risultato di un fenomeno naturale unico prodotto da un batterio capace di rilasciare un pigmento rosato in acque ad alta concentrazione salina: nel caso della laguna rosa, 350 grammi per litro d’acqua, avvicinandosi di molto a ciò che accade nel Mar Morto.

Più precisamente, il colore rosa è dato dai pigmenti dei batteri Halobacterium, tipici degli ambienti salini estremi, ma anche da un’alga, la cosiddetta Dunaliella Salina, responsabile del colore rosso vivo del lago.

lago rosa spagna

@kho/123rf

Acque splendide da ammirare e fotografare: in esse, infatti, non ci si può immergere per motivi ambientali, per salvaguardare gli ecosistemi della laguna e anche per ragioni di sicurezza. Lo scorso anno, per la prima volta dopo 37 anni, in questa splendida laguna sono nati centinaia di fenicotteri. Il “merito” sembra essere stato del lockdown imposto per via della pandemia di Covid-19 che ha permesso a questi meravigliosi animali di riprodursi in tutta tranquillità, lontani dai turisti. 

Leggi anche: Parco nazionale dei Laghi di Plitvice, tutto quello che dovete sapere sul più bel paradiso naturale della Croazia

Una tappa da non perdere se vi trovate in Spagna

Anche se non ci si può tuffare nelle acque rosa, ad attendervi è uno dei percorsi a piedi o in bicicletta tra fenicotteri e più di 100 tipi di uccelli acquatici e marini. E non solo, da queste parti si ha a disposizione una autentica spa naturale: l’acqua che evapora è infatti ricca di sali minerali e di iodio in grado di rigenerare l’apparato respiratorio.

laguna rosa spagna

@kho/123rf

E, a conclusione di questo percorso spa naturale, vi è il bagno di fango: sul fondale della laguna, anziché sabbia, troverete del fango nero che, se cosparso sul corpo, purifica la pelle e giova ai muscoli e alle articolazioni.

Il periodo migliore dell’anno per visitare la laguna rosa è alla fine dell’estate (agosto, settembre), quando si trova il rosa più intenso (anche se dipenderà dall’ora del giorno e dal tempo, poiché il cielo si riflette nella laguna).

 

 

Leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook