Salute: un test fisico per valutare l’aspettativa di vita

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In Brasile un gruppo di studiosi ritiene che un semplicissimo test fisico (The sitting rising test – SRT) possa essere d’aiuto per capire il grado di salute delle persone valutando tra l’altro quanto possa essere ancora lunga l’aspettativa di vita.

Si tratta di un esercizio che misura la flessibilità e la forza del corpo, un movimento che spesso viene fatto fare anche dagli insegnanti in palestra e che fa persino parte delle pratiche yoga. Dalla posizione in piedi bisogna mettersi seduti con le gambe incrociate e poi rialzarsi senza utilizzare nessun supporto e neppure aiutandosi con braccia o mani, né appoggiandosi sulle ginocchia.

Gli studiosi brasiliani hanno fatto fare questo esercizio a 2000 persone (dai 51 agli 80 anni), ad ognuno veniva assegnato un punteggio massimo di 10 punti. Un punto era sottratto ogni volta che il partecipante all’esperimento si aiutava con una mano o una gamba per non perdere l’equilibrio e mezzo punto in caso di oscillazione.

Quello che sostengono i ricercatori è che i pazienti che hanno ottenuto meno di otto punti hanno due volte più probabilità di morire entro i successivi sei anni, rispetto a persone con punteggi da 8 a 10. Chi invece ha raggiunto un punteggio davvero basso, da 1 a 3, ha 5 volte in più di rischio morte entro 6 anni.

In sostanza lo studio ritiene che la situazione muscolo scheletrica, valutabile con questo semplice test, possa essere usata per stimare l’aspettativa di vita. Infatti con l’avanzare dell’età i nostri muscoli tendono a diventare più deboli e la persona a perdere più facilmente l’equilibrio che, tra le altre cose, significa avere più probabilità di cadere.

Questo esercizio, secondo i ricercatori, potrebbe essere inserito all’interno degli screening per la salute generale che comunemente si effettuano in quanto aggiungerebbe informazioni utili sulle capacità funzionali dei pazienti o, quanto meno, potrebbe comunque contribuire a mantenere gli anziani in movimento. Non si sono mostrati molto d’accordo i fisioterapisti britannici che lo considerano pericoloso ad esempio per chi soffre di artrite e in molti casi fuorviante. A questo preferiscono invece un altro test nel quale il paziente si deve alzare da una posizione seduta e si valuta quante volte riesce a farlo nell’arco di 30 secondi.

Lo studio, condotto da un team della Gama Filho University di Rio de Janeiro, è stato pubblicato sul Journal of Cardiology.

Francesca Biagioli

Leggi anche:

Stile di vita sano aumenta aspettativa di vita: una tabella per calcolarla

Esercizio fisico: la migliore medicina per il cuore

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook