Depressione: su Google il test per riconoscerne i segnali

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Depressione, un nemico spesso invisibile, ignorato, a volte non riconosciuto ma latente. Un malessere che non va sottovalutato. Per questo Google offre un nuovo strumento per imparare a riconoscerne i segnali.

Cercando “clinical depression” su Google da smartphone apparirà uno strumento per capire se si è depressi. Non fraintendiamo. Un medico avrà certamente strumenti migliori per aiutare le persone che ne sono affette e in nessun caso il web può sostituirsi a un dottore.

Va detto però che lo strumento offerto da Google (al momento per gli Usa) non aspira a curare ma aiuta a riconoscere se sì è o meno depressi tramite un questionario di screening in grado di verificare il livello probabile di depressione.

Poco interesse o piacere nel fare le cose, problemi di concentrazione su azioni come la lettura del giornale o la televisione?, sono aspetti su cui il questionario invita a riflettere. Quest’ultimo non è affatto banale ma è stato realizzato con la collaborazione della National Alliance on Mental Illness americana.

Le statistiche Usa mostrano che spesso chi presenta i sintomi della depressione impiega da 6 a 8 anni prima di iniziare un trattamento, perdendo del tempo prezioso.

“Crediamo che la consapevolezza della depressione possa contribuire a potenziare ed educare tutti consentendo un accesso più rapido al trattamento. E questo strumento può aiutare” spiega Google, precisando che non pretende di fare diagnosi ma di sensibilizzare sulla depressione.

Quest’ultima è una condizione molto comune. Rivela Google che solo negli Usa appena il 50 per cento delle persone che ne sono affette si sottopone a un trattamento.

googledepressione

“Per contribuire a sensibilizzare sulla consapevolezza di questa condizione, abbiamo collaborato con Google per fornire un accesso più diretto agli strumenti e alle informazioni alle persone che potrebbero soffrirne” dichiara la National Alliance on Mental Illness.

LEGGI anche:

Ci sono dei sintomi da non sottovalutare, anche se spesso bisogna anche riflettere sulle cause alla base della depressione. L’importante è non ignorare i segnali che il nostro corpo ci invia e non avere timore o paura di confrontarsi con un medico.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook