Scoperto nuovo effetto benefico sul tuo cervello (e sulla tua memoria) di avere in casa un cane o un gatto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un recente studio ha dimostrato un (altro) incredibile beneficio che il cervello trae dalla presenza degli animali domestici nelle nostre vite

Come conservare al meglio le fragole

Avere un animale domestico porta benefici al corpo e alla mente in termini di longevità e naturalmente di serenità, senso di sicurezza e felicità della famiglia che decide di adottarne uno e di recente un nuovo studio ha dimostrato che anche le facoltà cognitive umane ne trarrebbero un grande giovamento, ritardando il decadimento dell’attività cerebrale. Non solo dunque una memoria più ferrea, ma anche una maggiore facilità nell’apprendere nuovi concetti con l’avanzare dell’età

A rivelarlo sono state le ricerche condotte dalle dottoresse Jennifer Appelbaum, Tiffany Braley ed un team di colleghi ricercatori che, nell’ambito del progetto The Health and Retirement Study  hanno somministrato dal 2010 al 2016 a 1.369 persone di un’età media di 65 anni dei test mnemonici con un punteggio da 0 a 27. Di questi il 53% possedeva un animale domestico di cui il 32% a “lungo termine” ossia da più di 5 anni. I risultati hanno mostrato che tutti i proprietari di animali hanno ottenuto un punteggio superiore di 1.2 punti rispetto a chi non ne aveva.

Questi risultati forniscono prove preliminari per suggerire che la proprietà a lungo termine dell’animale domestico potrebbe essere protettiva contro il declino cognitivo, fornendo un passo nuovo e fondamentale per comprendere come le relazioni con gli animali da compagnia contribuire alla salute del cervello”

ha detto la dottoressa Tiffany Braley, una dei coautori dello studio.

Già precedenti studi avevano dimostrato quanto la compagnia di un cane o un gatto aiutasse ad alleviare la solitudine, la depressione ed altre condizioni. La ricerca, come spiega la dottoressa Braley, ha identificato

 le associazioni tra le interazioni con gli animali da compagnia e le misure fisiologiche di riduzione dello stress, comprese le riduzioni dei livelli di cortisolo e della pressione sanguigna, che a lungo termine potrebbero avere un impatto sulla salute cognitiva.”

Senza dubbio la presenza di un animale in una casa può solo fare bene e portare allegria e allo stesso tempo serenità al nucleo familiare e se a trarne i maggiori vantaggi potrebbero sembrare solo i più piccoli, questo studio rivela che in realtà la compagnia di un animale apporta benefici proprio a tutti i membri!

Fonte: Medscape

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Leggi anche:

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue, attivista e volontaria per i diritti degli animali. Amante della cucina vegetale, di vini rossi e di tutto ciò che profumi di cannella.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook